Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Idratazione e Funzioni Cognitive

Le proprietà salutari dell'acqua all'interno dell'organismo sono divenute ormai famose, ma ben poco fin'ora è stato detto sulle performance e alterazioni delle funzioni cognitive in casi di disidratazione, argomento qui esposto e riportato tramite la descrizione dei più famosi esperimenti condotti in materia. A discapito di un approccio riduzionistico si fa riferimento anche al rapporto mente-corpo, descrivendo le modalià del trasporto d'acqua nell'organismo, ma in particolare all'interno del Sistema Nervoso Centrale, tramite la scoperta rivoluzionaria delle Acquaporine. L'acqua dunque è fonte di benessere non solo dal punto di vista fisico, ma anche cognitivo.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’acqua è una componente essenziale per l’esistenza, non solo dell’uomo ma di tutti gli organismi presenti sulla Terra. Tutte le forme di vita infatti hanno avuto origine da essa e per mezzo di essa, insieme a diverse concentrazioni di ioni, continuano a vivere oggi dopo miliardi di anni di trasformazioni, sviluppando così un adeguato sistema di bilancio idrico- salino. L’acqua è talmente determinante nello sviluppo della vita da ritenere che anche su Marte, in cui è ormai certo che migliaia di anni fa sia stata presente l’acqua (riscontro riportato dalle tracce di percorsi del fluido trovati sul pianeta, quasi come fiumi), sia esistito un qualche soffio vitale, sebbene questo non sia andato al di là dello stato primitivo. La prima condizione essenziale alla vita è quindi l’acqua, questo insieme di semplici molecole composte ognuna da 2 atomi di idrogeno ed uno di ossigeno (H2O) tenute insieme da legami a idrogeno che permettono di mantenerla allo stato liquido a pressione e temperatura ambiente. Tutti gli esseri viventi, quindi ne dipendono, sia perché fonte originaria di vita, sia perché il prezioso fluido è presente nel corpo e nelle molecole di ogni organismo che ha conseguentemente bisogno di assumerne o di farne perennemente parte per poter garantire un’adeguata osmoregolazione, cioè una regolazione costante tra fluido intra-cellulare ed extracellulare e delle condizioni chimiche adeguate all’organismo per la sua sopravvivenza. Il corpo umano è composto dal 50 al 70% di acqua. La ritroviamo in tutti gli organi, tessuti e cellule del nostro organismo come facente parte di diversi sistemi e funzioni: il metabolismo, il trasporto dei nutrienti, la circolazione, la regolazione della temperatura, la regolazione dell’equilibrio elettrolitico, l’escrezione dei rifiuti e persino la trasmissione degli impulsi nervosi; tutte attività che non potrebbero aver luogo se l’acqua non fosse presente in tali quantità, ma sebbene ciò sia ampiamente conosciuto e descritto non è ancora stato individuato

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Umane e Sociali

Autore: Adele Bonfiglio Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 573 click dal 04/02/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.