Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Fair Value nelle valutazioni di bilancio

La recente crisi finanziaria ha spesso messo in luce l'inadeguatezza di un sistema contabile ancorato al principio del costo storico: l'applicazione allora del fair value all'interno del nostro ordinamento è sicuramente collegata alla volontà di ottenere informazioni aggiornate sul valore dei beni aziendali.
Ma come in tutte le misurazioni basate su stime, anche quelle al fair value sono per loro natura imprecise: con l'introduzione dell'IFRS 13 si è allora disciplinata in maniera uniforme la normativa internazionale in materia di FV completando quel processo di convergenza dei principi IAS/IFRS coi principi contabili statunitensi emanati dal FASB. Ma se da un lato l'introduzione del FV consente certamente di pervenire ad una rappresentazione del capitale più vicina al valore economico dell'azienda e ad una misura di reddito più aderente all'effettivo andamento del periodo, dall'altro rischia però di commpromettere il fondamento dell'integrità economica del capitale.

Mostra/Nascondi contenuto.
I Premessa La recente crisi finanziaria ha spesso messo in luce l’inadeguatezza di un sistema contabile ancorato al principio del costo storico: l’applicazione allora del fair value all’interno del nostro ordinamento è sicuramente collegata alla volontà di ottenere informazioni aggiornate sul valore dei beni aziendali. L’origine quindi della cosiddetta “fair value accounting” è storicamente ravvisabile nella dottrina economica anglosassone da cui lo IASB ha tratto fondamento per l’implementazione di un sistema di fairy values all’interno del sistema contabile italiano e prima ancora di quello europeo. Ma i dubbi riguardanti l’introduzione del fair value tra i generali principi di valutazione comunemente adottati a livello internazionale si sono certamente manifestati in maniera piø incisiva a partire dalla crisi globale: ci si è infatti chiesto quali effetti è possibile aspettarsi dall’applicazione del criterio in parola e se il suo impiego abbia potuto in qualche modo aggravare la recente crisi finanziaria che ha colpito quasi ogni settore dell’economia.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Lucafilippo Bianco Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2771 click dal 29/01/2014.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.