Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La nuova informazione geografica per il turismo: dal Gis ai social network

L'analisi da me eseguita ruota intorno al rapporto tra informazione geografica, turismo e social media; l'obiettivo del lavoro è dimostrare che questi tre ambiti, apparentemente distanti tra loro, possono essere legati per creare nuove strategie di marketing turistico ma anche nuovi schemi di comunicazione nella società civile che può attivamente partecipare ai processi decisionali attraverso i nuovi strumenti offerti dall'ICT (Information and Communication Technology).
Nel primo capitolo introduco quello che è ed è stato il rapporto tra ICT e turismo dimostrando come la tecnologia ha cambiato il modo di viaggiare e le abitudini dei turisti; una parte del capitolo tratta del turismo virtuale, frontiera estrema dell'integrazione tra questi due settori.
Nel secondo capitolo affronto una delle innovazioni più importanti degli ultimi decenni per l'informazione geografica, la nascita dei GIS (Geographical Information System), portando alcuni esempi di come questo nuovo strumento stimoli la partecipazione dal basso e la diffusione degli Open Data. Non mancano i riferimenti al turismo: dall'analisi statistica per il turismo nei GIS alle potenzialità inespresse dei WebGIS per i dispositivi portatili. Infine un paragrafo è dedicato ad un tema ancora poco affrontato, il turismo accessibile, che grazie ai GIS può conoscere una nuova fase.
Il terzo capitolo tratta della nascita e dell'evoluzione dei servizi geolocalizzati per il turismo con attenzione a quelli fruibili da device portatili, delle opportunità per le aziende pubbliche e private e delle ultime innovazioni per l'interazione del turista tra mondo virtuale e reale; nell'ultimo paragrafo descrivo il fenomeno, ancora tutto da studiare, della gamification, portando all'attenzione alcuni esperimenti nel settore turistico come il geocaching.
Un capitolo a parte ha richiesto Google, colosso aziendale molto impegnato nei servizi per il turismo (e per l'impresa e per il turista); ripercorro le tappe che hanno portato da Google Mapsa Google Street View Trekkerfino ai progetti sperimentali di Hotpote Schemer.
Vantaggi e svantaggi delle innovazioni nel campo dell'informazione geografica del turismo sono trattati nel quinto e ultimo capitolo: velocità di accesso ai dati ma anche i problemi dell'affidabilità degli stessi e della privacy.
Fondamentali per svolgere il mio lavoro di tesi sono state, oltre alle classiche fonti scritte, le fonti Internet, dai blog ai tweet passando per i siti istituzionali; ogni informazione è stata debitamente verificata attraverso uno scrupoloso lavoro di confronto e ricerca su diversi motori di ricerca.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Introduzione La scelta dell'argomento per la prova finale è scaturita dalla mia curiosità per tutto ciò che è nuovo, sconosciuto ai più e con tante potenzialità inespresse. L'analisi da me eseguita ruota intorno al rapporto tra informazione geografica, turismo e social media; l'obiettivo del lavoro è dimostrare che questi tre ambiti, apparentemente distanti tra loro, possono essere legati per creare nuove strategie di marketing turistico ma anche nuovi schemi di comunicazione nella società civile che può attivamente partecipare ai processi decisionali attraverso i nuovi strumenti offerti dall'ICT (Information and Communication Technology). Nel primo capitolo introduco quello che è ed è stato il rapporto tra ICT e turismo dimostrando come la tecnologia ha cambiato il modo di viaggiare e le abitudini dei turisti; una parte del capitolo tratta del turismo virtuale, frontiera estrema dell'integrazione tra questi due settori. Nel secondo capitolo affronto una delle innovazioni più importanti degli ultimi decenni per l'informazione geografica, la nascita dei GIS (Geographical Information System), portando alcuni esempi di come questo nuovo strumento stimoli la partecipazione dal basso e la diffusione degli Open Data. Non mancano i riferimenti al turismo: dall'analisi statistica per il turismo nei GIS alle potenzialità inespresse dei WebGIS per i dispositivi portatili. Infine un paragrafo è dedicato ad un tema ancora poco affrontato, il turismo accessibile, che grazie ai GIS può conoscere una nuova fase. Il terzo capitolo tratta della nascita e dell'evoluzione dei servizi geolocalizzati per il turismo con attenzione a quelli fruibili da device portatili, delle opportunità per le aziende pubbliche e private e delle ultime innovazioni per l'interazione del turista tra mondo virtuale e reale; nell'ultimo paragrafo descrivo il fenomeno, ancora tutto da studiare, della gamification, portando all'attenzione alcuni esperimenti nel settore 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Sergio Antonacci Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3029 click dal 04/02/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.