Skip to content

Analisi e pianificazione finanziaria di una fondazione

Informazioni tesi

  Autore: Redi Vyshka
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Elisa Cavezzali
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

L’obiettivo dell’elaborato consiste nello studio della pianificazione finanziaria di una fondazione. L’idea nasce da uno stage svolto per due mesi a Barcellona presso una fondazione denominata “Fondació Catalunya Volontaria”. Inizialmente si illustrano alcuni aspetti storici riguardanti le origini delle fondazioni, identificando le sue evoluzioni nelle varie fasi storiche fino all’ età contemporanea. Quest’ultime sono sempre più presenti nelle realtà Europee, data la loro natura snella e di facile burocratizzazione rispetto ad altre aziende non profit, che ha permesso loro di svilupparsi e raggiungere determinati obiettivi sociali. Si prosegue analizzando al livello Europeo la nascita e lo sviluppo di queste ultime , rappresentando un confronto tra gli ordinamenti giuridici di una fondazione italiana e di una fondazione spagnola, esplicando le similitudini e le poche differenze che le caratterizzano, dato che entrambe rispettano norme presenti nell’ordinamento comunitario dell’ Unione Europea.
Dopo la parte introduttiva delle fondazioni dal punto di vista storico e letterario passiamo agli aspetti economici che la caratterizzano maggiormente. Si studiano le tipologie di fondazioni e la struttura delle aree gestionali al suo interno, descrivendo gli indicatori di economicità, accennando alcuni concetti della gestione tributaria in Spagna e in Italia, e identificando le principali fonti di finanziamento che le permettono di operare.
In seguito si discute come analizzare il bilancio di una fondazione e la sua pianificazione finanziaria a breve e a lungo termine, utilizzando la teoria finanziaria generale di un’azienda lucrativa, corretta con le apposite modifiche per quelle voci contabili specifiche della gestione di una fondazione (le imposte, gli oneri finanziari e l’utile netto). Si mostra quanto sia indispensabile al giorno d’oggi, per un’azienda (comprese le fondazioni),svolgere una corretta analisi di bilancio che le permetta di attuare una pianificazione e un controllo finanziario.
Attraverso gli strumenti dell’ analisi di bilancio e si mira a studiare e comprendere la gestione economica, patrimoniale e finanziaria di un’azienda. Per mezzo della pianificazione finanziaria si individuano le risorse e le fonti necessarie per lo svolgimento delle attività aziendali, così che si mantenga l’equilibrio finanziario. Si inizia con una logica ex post, analizzando dati aziendali presenti in documenti come lo stato patrimoniale e il conto economico, per poi spostarsi in un’ottica previsionale e prospettica, valutando ex ante,il grado di equilibrio finanziario nell’ attuazione dei programmi aziendali.
Nel capitolo conclusivo si tratta una caso pratico di una fondazione spagnola sopra citata, la “Fondaciò Catalunya Voluntaria”. Essa è una fondazione non lucrativa che opera in molti progetti internazionali di volontariato. Si spiega brevemente la storia e la mission della fondazione, la sua organizzazione, e si effettua un’analisi di bilancio e pianificazione finanziaria a breve termine, utilizzando gli strumenti illustrati nei capitoli precedenti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1 Origini ed evoluzione delle varie tipologie di fondazioni 1.1 Origini ed evoluzioni delle Fondazioni dell’ età contemporanea 1.1.1 Nascita e sviluppo delle fondazioni Fin dalle origini dell’umanità alcune persone nascono con l’attitudine di aiutare il prossimo e destinare i propri beni e ricchezze a finalità filantropica. Per tale motivo nasce l’istituto della Fondazione, il quale rappresenta uno strumento attraverso il quale gli esseri umani possono esprimere il loro senso di solidarietà e aiutare le persone bisognose. Le prime forme di fondazioni si possono ritrovare nell’antico Egitto, e successivamente, con maggiore presenza e sviluppo, nella Grecia Classica. Le organizzazioni che si formarono nel passato difficilmente potevano strutturarsi come una fondazione dell’ età contemporanea, difatti nelle antiche civiltà, soprattutto in quella greca, era vietato che scuole di filosofi o pensatori potessero organizzarsi per diffondere le proprie dottrine, partendo da fondi propri o donazioni. Per le istituzioni pubbliche queste organizzazioni erano minacce al potere , per questo era reato per una comunità di pensatori ricevere donazioni e beni. Per tale motivo i filosofi scoprirono un modo alternativo e legale per creare un’ organizzazione che portasse a termine le loro missioni, mediante un sistema di successioni continue. Si racconta nel libro di Saenz De Miera Antonio, la storia di Platone, “che fondò nei giardini dell’Accademia una istituzione di insegnamento scientifico-religioso che resse per due decenni e quindi nominò suoi successori i suoi discepoli sempre con l’onere di fare altrettanto con i loro allievi” (De Miera Antonio, 2000, pag. 31). Le prime fondazioni istituzionalizzate si formano nell’ Antico Impero Romano, e si dedicavano ad aiutare bambini poveri e orfani , distribuzione di alimenti e culti funerari. Nel diritto romano si attribuiva la personalità giuridica solo alle Associazioni, però ammetteva l’esistenza di patrimoni vincolati ad uno scopo determinato, trasferiti per testamento e per atto tra vivi . Più precisamente si formarono alcune istituzioni denominate Piae Causae, oppure case di misericordia e carità, le quali erano ospedali, asili, ostelli per poveri e orfanotrofi. A questi istituti fu riconosciuta autonomia giuridica, e quindi non vennero più tutelati dalla Chiesa ma dalla legge dell’ Impero. Però solo nell’ Età Moderna, dopo il Rinascimento, cominciarono a delinearsi con maggiore dettaglio le sagome delle fondazioni, le quali ricoprivano compiti di fornitura di beni quasi pubblici. Queste istituzioni iniziano a non fare più parte del pubblico e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

no-profit
analisi di bilancio
rendiconto finanziario
fondazione
indici di bilancio
pianificazione finanziaria
bilancio previsionale
budget di cassa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi