Skip to content

Influenza dell’aggiunta di materiali fini microporosi sulle paste di cemento

Informazioni tesi

  Autore: Santo Cogliandro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Chimica
  Relatore: Fortunato Crea
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Scopo del presente lavoro di tesi è lo studio dell’influenza dell’aggiunta di materiali fini microporosi sulle paste di cemento.
In generale le aggiunte di fini hanno sui materiali a base cementizia, un duplice effetto:
- Le particelle occludono i capillari presenti nella matrice cementizia, rendendo più densa la sua microstruttura (particle packing);
- In ambiente alcalino si possono verificare delle interazioni chimiche tra il materiale aggiunto e l’idrossido di calcio che si sviluppa con il decorso dell’idratazione.

Questo duplice comportamento determina una modifica delle proprietà fisico - meccaniche (porosità, resistenza meccanica ecc.) dei materiali ottenuti.
La predisposizione di un materiale a reagire in ambiente alcalino, anche a temperatura ambiente, per formare composti con potere cementante è la cosiddetta “pozzolanicità”.
La presenza di silice SiO2 ed allumina Al2O3 determinano la conseguente predisposizione delle zeoliti naturali, a dare reazione di pozzolanicità. Tali materiali in se e per se, non possiedono proprietà cementanti ma se ridotti in polvere, in presenza di acqua, reagiscono chimicamente con l’idrossido di calcio Ca(OH)2 che si forma nella reazione di idratazione durante la presa del Portland, per formare un composto cementizio.

Tale caratteristica di pozzolanicità, congiunta alla elevata disponibilità in natura delle zeoliti, ha contribuito al loro estensivo impiego nel settore delle costruzioni
Vi sono degli svantaggi legati all’utilizzo delle zeoliti naturali, alcuni di questi legati a problematiche relative a tematiche di ecosostenibilità. Infatti i processi di estrazione di tali materiali sono sempre più ridotti a causa di vincoli legislativi sull’alterazione dei paesaggi. Dove consentiti, i processi estrattivi e di macinazione richiedono inoltre notevoli dispendi energetici.
Un altro svantaggio legato alla natura del materiale zeolitico è la sua varietà composizionale a seconda della provenienza geografica, e la presenza di impurezze che possono essere nocive per l’applicazione in cui si intendono usare tali materiali.
Per tali motivi, in alternativa all’uso delle zeoliti naturali è quella dell’uso di zeoliti sintetiche. Inoltre i prodotti neolitici industriali si presentano standardizzati nelle specifiche composizionali e dimensionali.
Il presente lavoro è costituito da una prima parte descrittiva in cui si introducono i materiali trattati: i leganti, le zeoliti naturali e le zeoliti artificiali.
In particolare dopo aver descritto le proprietà e la classificazione dei leganti idraulici, sono state descritte le zeoliti naturali e le proprie caratteristiche di pozzolanicità; infine abbiamo descritto le applicazioni delle zeoliti sintetiche nella produzione di conglomerati cementizi.
Nella seconda parte della tesi, che rappresenta il lavoro sperimentale svolto, sono state realizzate e caratterizzate delle paste di cemento costituite da cemento CEM I 52,5 R e zeoliti rispettivamente 5A, X ed X calcica.
È stato seguito il decorso delle reazioni d’idratazione delle paste, con la volontà di verificare la presenza di reazioni di pozzolanicità ed individuare i prodotti silico alluminati che si formano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 I Leganti _____________________________________________________________________________________________________________________ Capitolo 1 – I leganti 1.1 Generalità Un materiale appartiene alla categoria dei leganti se è capace di unire saldamente corpi incoerenti, in presenza soprattutto di acqua, siano essi di forma determinata, quali blocchi e laterizi, o dispersi in pezzatura non omogenea tipo ghiaia e sabbia. I leganti hanno una granulometria molto piccola, il loro diametro varia all’incirca tra 1 e 90 micron ( μ m), quindi si presentano come una polvere finissima ed impalpabile. Tutti i materiali leganti hanno delle caratteristiche comuni alla stragrande maggioranza delle varietà esistenti: In presenza di acqua le polveri si possono miscelare formando poltiglie plastiche o fluide Gli impasti così creati solidificano dopo un certo arco di tempo Quando la massa si solidifica è capace di mantenere la forma del getto originario 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cemento
calcestruzzo
zeoliti
zeolite
silicati
leganti
concrete
silico
alluminati
alluminato

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi