Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Danno da prodotto e responsabilità dell'impresa

Responsabilità oggettiva dl produttore e ricezione in legge della direttiva europea sulla tutela del consumatore.

Mostra/Nascondi contenuto.
PREMESSA IL DANNO DA PRODOTTI DIFETTOSI 1. Un fenomeno non solo giuridico Nella società moderna è fenomeno consueto il propagarsi di danni connessi con il processo produttivo. Volta a volta risentiti dai prestatori di lavoro, dai consumatori, dall'ambiente in generale, questi danni sono espressione di un rischio che comporta alti costi sociali. Costi che pare difficile ridurre anche in presenza di un progresso tecnologico in costante incremento. E` pertanto necessario assicurare, da un lato, il più esteso risarcimento a quanti abbiano a risentire pregiudizi dall'esercizio di attività dannose e, dall'altro, operare una razionale distribuzione dei costi che a questi danni sono connessi. Il fenomeno della circolazione di prodotti difettosi diviene quindi argomento sempre più ricorrente all'interno della moderna società dei consumi (e non solo capitalista) in un mondo in cui la produzione di beni, soprattutto quella industriale, è l'elemento fondamentale di ogni paese sviluppato. Con la tendenza sempre crescente a far passare tutto all'interno di un processo produttivo, così che sembra che ogni cosa, ogni più piccolo oggetto debba essere costruito industrialmente, sempre più ricorrendo all'automazione delegando tutto alla progettazione e alle macchine si corre anche il rischio di perdere, per così dire, il controllo diretto dei processi stessi e rischiare quindi di rimanere in balia di prodotti che possono rivelarsi, anche pericolosamente, difettosi. Escludendo i prodotti finanziari ed i servizi, ci riferiamo qui a quella miriade di "beni mobili" che fanno parte della vita di tutti i giorni e che sono l'essenza di una società consumistica: dalle automobili agli orologi, dagli alimentari ai cosmetici ai televisori, passando per un numero, si potrebbe dire, infinito di altri beni ivi compresi i farmaci. Da ciò si può ben comprendere come il rischio di danno provocato da un difetto di almeno uno di questi prodotti non sia del tutto nullo, ma che anzi anche un piccolo difetto possa rappresentare un grande pericolo per l'incolumità delle persone in generale, non solo per quella del suo acquirente o utilizzatore. Questa caratteristica dei sistemi capitalisti ha generato

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Ivan Ruggieri Contatta »

Composta da 142 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 433 click dal 14/02/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.