Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sul principio delle applicazioni contrattive

Oggetto di questa tesi sono il principio delle applicazioni contrattive e il suo viceversa. Più precisamente, ci siamo posti il problema di stabilire sotto quali condizioni su un operatore, definito da uno spazio metrico completo in sé stesso, esiste una metrica equivalente con riferimento alla quale l’operatore risulta essere contrattivo. Un primo risultato in questa direzione è stato fornito da Janos e successivamente in una forma più generale da Meyers. Ulteriori contributi particolarmente significativi si devono a Bessaga. D’altra parte, in letteratura sono presenti varie generalizzazioni del principio delle applicazioni contrattive. Nella presente tesi esaminiamo in particolare il principio della contrazione generalizzata, dovuto a Krasnosel’skii, e il principio della contrazione locale, dovuto a Edelstein. Gli argomenti fin qui riassunti, sono adeguatamente trattati nel primo capitolo di questo lavoro di tesi. Nel secondo capitolo invece, si estendono i risultati ottenuti nel primo capitolo, affrontando il problema dell’esistenza di una metrica equivalente con riferimento alla quale famiglie e semigruppi di operatori sono contrattivi. Sarà, inoltre, mostrato il collegamento fra tale problema di esistenza e la teoria della stabilità del moto. Più in dettaglio, nel primo paragrafo si definiscono famiglie contrattive di operatori e si considerano le proprietà dei processi di iterazione generati da tali famiglie di operatori. Quindi, si deducono condizioni sufficienti per l’esistenza di una metrica equivalente in cui una famiglia è appunto contrattiva. I primi risultati in questa direzione sono stati ottenuti da Goldman e Meyers. Nel secondo paragrafo, si esaminano problematiche analoghe per semigruppi contrattivi. In questo caso, i primi risultati sono da attribuirsi a Meyers. Proprio i contenuti di questo secondo paragrafo sono strettamente connessi con il problema dell’esistenza di una funzione di Lyapunov nella teoria della stabilità del moto. Mostreremo, infatti, che una funzione di Lyapunov, per un sistema autonomo uniformemente asintoticamente stabile, può sempre essere “interpretata” come la distanza, in un’opportuna metrica, di un punto dallo stato di equilibrio. Nel terzo paragrafo, si discutono risultati analoghi ai precedenti con riferimento al caso di applicazioni lineari negli spazi di Banach. Infine, nel quarto paragrafo vengono presentati alcuni risultati alternativi atti a provare la convergenza e la stabilità dei processi di iterazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Il principio delle applicazioni contrattive, il viceversa e alcune sue generalizzazioni In questo capitolo presentiamo un importante risultato, noto come principio delle applicazioni contrattive, e ci poniamo il problema di trovare un certo numero di condizioni, valide per un operatore definito da uno spazio metrico completo in sé stesso, in grado di assicurare lesistenza di una metrica equivalente in cui loperatore in questione sia contrattivo. Con riferimento al suddetto problema, considereremo successivamente alcune generalizzazioni di tale principio. Precisamente: il principio della contrazione generalizzata, formulato da Krasnoselskii e il principio della contrazione locale, dovuto a Edelstein. 1.1 Il principio delle applicazioni contrattive Si considerino operatori definiti da uno spazio metrico completo ,) X in sé stesso. La metrica induce una topologia su . X Premettiamo alcune definizioni che saranno utili nel seguito. Definizione 1.1.1. Due metriche 1 e 2 in uno spazio X si dicono equivalenti quando ogni successione di Cauchy in una delle due metriche è di Cauchy anche nellaltra. Definizione 1.1.2. Due metriche 1 e 2 in uno spazio X si dicono topologicamente equivalenti se inducono la stessa topologia.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Teresa Farruggia Contatta »

Composta da 47 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 107 click dal 10/02/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.