Skip to content

Analisi preliminare per una ricostruzione simulativa del Prometeo di Luigi Nono

Informazioni tesi

  Autore: Maurizio Bulgarini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Dams - Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Vincenzo Lombardo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

Possiamo solo immaginare cosa abbiano provato quei quattrocento fortunati spettatori la sera del 25 settembre 1984 quando, nella chiesa sconsacrata di San Lorenzo a Venezia, assistettero alla prima messinscena assoluta del Prometeo di Luigi Nono. Mentre scrivo, non posso fare a meno di pensare che questo mio lavoro ritrovi motivazione in parte anche nell'invidia che provo nei confronti di quei fortunati eletti. Infatti, il capolavoro nel suo allestimento completo sarà riproposto al pubblico solo in un'altra occasione, l'anno dopo a Milano e poi mai più, a causa soprattutto dei costi elevatissimi della sua messa in opera e, probabilmente, anche a causa della prematura scomparsa del suo autore avvenuta nemmeno sei anni più tardi. "Tragedia dell'ascolto". Questo il sottotitolo di un'opera i cui elementi fondanti vengono stravolti, riscritti, reinterpretati. Le scene diventano isole intorno alle quali gli spettatori sono chiamati a navigare all'interno di uno spazio musicale e architettonico eccezionale: una gigantesca arca, progettata da Renzo Piano. I testi, continuamente rimaneggiati, sono redatti da Massimo Cacciari. Le luci vengono curate dal pittore Emilio Vedova. Le musiche scaturiscono dalla complessa interazione tra il suono naturale di quattro gruppi orchestrali seguiti da più direttori tra cui Claudio Abbado, a cui bisogna aggiungere i processi di sintesi sonora attuati dalla regia audio dello stesso autore e dei suoi collaboratori e quelli di registrazione in presa diretta, rielaborazione e riproposizione in tempo reale realizzati da Peter Haller e l'Experimentalstudio di Friburgo. L'obiettivo di questa tesi è quello di compiere un'analisi di questa maestosa opera perduta, in modo da vagliare la possibilità di una sua ricostruzione nei termini di un ambiente virtuale. Nel corso della trattazione, sarà affrontato innanzitutto il problema della documentazione delle arti performative, alla luce di cui verrà individuato il naturale precedente del lavoro in oggetto: il Virtual Elecronic Poem. Attraverso un'installazione in realtà virtuale e audio binaurale, tale progetto ha fatto recentemente rivivere sia il Padiglione Philips, progettato da Le Corbusier e Yannis Xenakis nel 1958 per l'Esposizione Universale di Brussels, sia il Poème électronique di Edgar Varèse e dello stesso Le Corbusier. Una volta sviscerata la questione da un punto di vista epistemologico, si entrerà in contatto con l'autore Luigi Nono, la sua vita, la sua poetica e ovviamente il Prometeo, in modo da individuarne gli aspetti principali utili alla sua ricostruzione. Si riconosceranno quindi nell'arca di Renzo Piano (la scenografia), nel complesso materiale musicale previsto dall'autore e negli interventi/luce di Emilio Vedova, quegli elementi che sarà utile approfondire quanto più possibile nel prosieguo della tesi. In questo modo sarà possibile iniziare a delineare un percorso su cui lavorare in previsione di una potenziale ricostruzione simulativa e soprattutto si potranno fornire i primi strumenti per dare una risposta all'interrogativo che si cela dietro tutto il presente lavoro: è possibile, oltre che utile, all'attuale stato dell'arte della tecnologia, far rivivere il Prometeo in un'installazione di realtà virtuale?

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Analisi preliminare per una ricostruzione simulativa del Prometeo di Luigi Nono 1 1. INTRODUZIONE Possiamo solo immaginare cosa abbiano provato quei quattrocento fortunati spettatori la sera del 25 settembre 1984 quando, nella chiesa sconsacrata di San Lorenzo a Venezia, assistettero alla prima messinscena assoluta del Prometeo di Luigi Nono. Mentre scrivo, non posso fare a meno di pensare che questo mio lavoro ritrovi motivazione in parte anche nell’invidia che provo nei confronti di quei fortunati eletti. Infatti, il capolavoro nel suo allestimento completo sarà riproposto al pubblico solo in un’altra occasione, l’anno dopo a Milano e poi mai più, a causa soprattutto dei costi elevatissimi della sua messa in opera e, probabilmente, anche a causa della prematura scomparsa del suo autore avvenuta nemmeno sei anni più tardi. "Tragedia dell'ascolto". Questo il sottotitolo di un'opera i cui elementi fondanti vengono stravolti, riscritti, reinterpretati. Le scene diventano isole intorno alle quali gli spettatori sono chiamati a navigare all'interno di uno spazio musicale e architettonico eccezionale: una gigantesca arca, progettata da Renzo Piano. I testi, continuamente rimaneggiati, sono redatti da Massimo Cacciari. Le luci vengono curate dal pittore Emilio Vedova. Le musiche scaturiscono dalla complessa interazione tra il suono naturale di quattro gruppi orchestrali seguiti da più direttori tra cui Claudio Abbado, a cui bisogna aggiungere i processi di sintesi sonora attuati dalla regia audio dello stesso autore e dei suoi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

prometeo
luigi nono
archeologia del multimedia
virtual elecronic poem
vincenzo lombardo
andrea valle

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi