Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Integrazione di tecniche cognitivo-comportamentali e stimolazioni sensoriali nel trattamento dei pazienti in stato vegetativo o in stato di minima responsività

Obiettivo
Attraverso uno studio esplorativo, è stato osservato un gruppo clinico di 41 soggetti con Grave Cerebrolesione Acquisita (GCA) che partecipavano al Trattamento di Psicostimolazione Cognitivo-Comportamentale (TPS-CC), con l’obiettivo di valutare la presenza di un’eventuale evoluzione del quadro cognitivo-comportamentale, a distanza di tre mesi dall’inizio del programma riabilitativo, attraverso la somministrazione della scala LOCFAS.

Discussione
Le analisi effettuate per mezzo dei test statistici hanno fornito risultati statisticamente significativi permettendo così di evidenziare un miglioramento di tutti i soggetti appartenenti al campione sperimentale, ciò nonostante, non essendo presente un gruppo di controllo, non si può affermare che i pazienti siano migliorati unicamente grazie al TPS-CC.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 RIASSUNTO Obiettivo Attraverso uno studio esplorativo, è stato osservato un gruppo clinico di 41 soggetti con Grave Cerebrolesione Acquisita (GCA) che partecipavano al Trattamento di Psicostimolazione Cognitivo-Comportamentale (TPS-CC), con l’obiettivo di valutare la presenza di un’eventuale evoluzione del quadro cognitivo-comportamentale, a distanza di tre mesi dall’inizio del programma riabilitativo, attraverso la somministrazione della scala LOCFAS. Materiali e metodi Sono stati inclusi 41 soggetti di età compresa fra 0 e 18 anni, ricoverati presso l’Istituto “E.Medea” di Bosisio Parini (LC) in stato di alterazione della coscienza in seguito ad una GCA di origine traumatica o non traumatica. Per ogni soggetto sono state raccolte le necessarie informazioni cliniche e sono stati considerati i punteggi ottenuti attraverso la somministrazione della scala LOCFAS (Scala Di Valutazione Del Livello Delle Funzioni Cognitive). La prima misurazione si riferisce al momento del ricovero in Istituto e le successive 3 sono state effettuate a cadenza mensile sino ad ottenere, per ciascun paziente, un totale di 4 misurazioni nell’arco di tre mesi. Risultati Attraverso il T-test per dati appaiati sono stati confrontati i punteggi medi dei livelli a cui si collocava il gruppo di pazienti a T1 e a T4 e il punteggio medio ottenuto dal gruppo sperimentale nei diversi domini della scala LOCFAS, ugualmente a T1 e a T4. Attraverso l’analisi della varianza per misure ripetute sono invece state incrociate le variabili “eziologia” e “livello”. ¨ stata inoltre effettuata un’analisi descrittiva delle caratteristiche del campione per indagare le variabili cliniche dei pazienti che hanno avuto accesso al trattamento ottenendo la media, la deviazione standard e la percentuale all’interno del campione, per ogni variabile.

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Ilaria Palvarini Contatta »

Composta da 87 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1020 click dal 12/02/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.