Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La politica dei movimenti ed il potere orizzontale della cloud communication: il caso Grillo

La presente è una tesi sperimentale che si avvale di numerosi articoli, interviste, discussioni nei forum e di un questionario rivolto ai colleghi universitari. L'obbiettivo è stato quello di affiancare allo studio il confronto con le opinioni altrui, per arrivare poi ad offrire risposte semplici ed esaurienti ad alcuni dei maggiori interrogativi che riguardano i movimenti sociali "moderni". Questi gruppi socio-politici sono una novità degli ultimi cinque o sei anni ma da un anno e mezzo a questa parte sono esplosi, mostrando tutta la loro giovane potenza: in pochi mesi hanno rovesciato decadi di dittatura, hanno smosso l'immobilismo politico dei Paesi democratici, hanno messo in fuga governanti e messo in discussione la validità di istituzioni e di interi modelli organizzativi delle società odierne; ad oggi la crescita esponenziale del numero di attivisti e simpatizzanti, nei movimenti, ne certifica il successo.
Chi sono? Da dove vengono? Cosa vogliono? Siamo davvero dinanzi ad una rottura col passato? Perché adesso? Ma Soprattutto, che cosa lega i movimenti di Piazza Tahir , di Occupy Wall Street, di Piazza Syntagma, con la lotta in Syria, con i partiti pirata nelle democrazie europee e con tutta l'ondata di movimenti civili che dal 2011 scuote i Paesi di mezzo mondo?
Per rispondere a tutto ciò si è proceduto con lo scomporre il "Movimento 5 Stelle", in quanto espressione a noi più vicina, e come dei bravi orologiai si è tentato di risalire il più piccolo ingranaggio che fa muovere l'intero sistema, nonché l'anello di congiunzione tra tutti i movimenti citati. Si è giunti alla conclusione che, oltre al contesto di recessione, la vera causa prima della loro esistenza risiede nella "nuvola comunicativa", ovvero, il principio di interazione e di condivisione alla base della filosofia che da qualche tempo anima l'enorme comunità del "Social-Internet". Vediamo, dunque, come nasce e si struttura un movimento ed in cosa consiste il potere conferitogli dalla cloud communication.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La presente tesi propone una riflessione critica sul contesto, sulle origini e sui possibili sviluppi futuri della nuova politica, quella della cloud generation. Il termine cloud generation, al pari di cloud communication, presente anch’esso nel corpo della tesi, è stato plasmato dal termine informatico di cloud computing: in sostanza si tratta di una condivisione di dati in remoto, ovvero cartelle di archiviazione e condivisione che stanno lentamente “mandando in pensione” i vecchi hardware privati di archiviazione di massa (chiavette USB, hard-disk esterni, ecc..) Cloud communication (o nuvola comunicativa) mi è sembrata dunque la maniera più idonea per descrivere l’anima dei nuovi movimenti nati in seno al web, vero e proprio fulcro virtuale della nuova generazione. Questi movimenti hanno fatto propria la filosofia delle moderne piattaforme di network sociale e può essere riassunta in tre concetti chiave: partecipazione, condivisione ed orizzontalità; da questi deriva il potere politico che tali movimenti stanno velocemente acquisendo. Il Movimento 5 Stelle (M5S da qui in poi) ed il suo leader Beppe Grillo hanno offerto il campo d’indagine, di ricerca e di confutazione di quanto riportato nella riflessione totale. Il presente progetto, infine, si avvale di alcune risposte ricevute da elettori del M5S su di un breve questionario che è stato loro somministrato (non ci sono fini di statistica: sono una ventina di ragazzi per lo più studenti, simili per estrazione sociale, età e area geografica) e anche

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Marco Spinetti Contatta »

Composta da 75 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 698 click dal 12/02/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.