Skip to content

Riutilizzo dell'acqua dal reparto di nefrologia: una prospettiva tecnologica per l'applicazione nelle regioni aride

Informazioni tesi

  Autore: Matteo Schinardi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università Campus Bio-Medico di Roma
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Biomedica
  Relatore: Luisa Di Paola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 73

In un contesto di carenza d'acqua, il riutilizzo dell'acqua in ambito ospedaliero risulta essere utile. In questo lavoro, è stata effettuata l'ipotetica applicazione in una unità di trattamento dell'acqua, presso l'ospedale San Marcellino di Muravera (Cagliari, Sardegna).
La struttura è situata in una regione italiana a rischio di desertificazione. L'ospedale ospita 60 posti letto con un consumo giornaliero di circa 30 m3, dei quali 1/6 viene utilizzato per le attività del reparto dialisi.
Ogni anno, l'ospedale esegue 5000 trattamenti emodialitici (156 trattamenti di emodialisi per paziente per anno). Ogni seduta scarica 120 litri di liquido, con una portata di 500 ml/min per circa 4 ore e ogni singola stazione funziona due volte in un giorno.
Considerando che ogni giorno vengono svolti due turni, quindi ogni postazione scarica circa 270 litri. Inoltre l'unità di trattamento acqua scarica in fogna ogni giorno circa 4,4 m3 di acqua "pura". In Sardegna, sono presenti 37 unità nefrologiche simili, 5 solo nei dintorni di Cagliari (77 monitor di dialisi totali, corrispondenti ad un consumo di acqua di circa 400 m3/giorno ). Vi presentiamo un'analisi tecnologica ed economica del caso studiato (ospedale San Marcellino) per trovare il payback period della soluzione ottimale. Abbiamo basato la valutazione economica sui prezzi effettivi dei materiali, l'energia e approvvigionamento idrico, ma la crescente domanda di acqua (denominato "l'oro blu" per il suo prezioso contributo a qualsiasi attività umana e la sua crescente scarsità) porterà il punto di break-even ad un minor numero di trattamenti all'anno.
Infatti, in Sardegna, le risorse idriche naturali soddisfano solo 3/5 del fabbisogno di acqua; il consumo d'acqua richiesto dai centri dialisi rappresenta un problema regionale. La carenza idrica riguarda sia la qualità della vita che lo sviluppo economico, per questo motivo le soluzioni tecnologiche innovative per il riutilizzo e il risparmio delle acque dovranno essere fondamentali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Riutilizzo dell’acqua dal reparto di nefrologia: una prospettiva tecnologia per l’applicazione in regioni aride 2014 4 1.Introduzione Le malattie renali croniche interessano il 10% circa della popolazione mondiale. Nei Paesi dove la dialisi o il trapianto renale sono disponibili, circa una persona su mille vive grazie a queste terapie, le quali condizionano fortemente la qualità di vita di chi ne soffre. Dato questo impatto sociale e clinico, si evince come la terapia dialitica incida per il 3-5% di tutta la spesa sanitaria pubblica. Tali costi non riguardano solo l’aspetto economico ma anche quello delle risorse naturali, infatti si stima che ogni giorno un reparto dialisi con 16 postazioni dialitiche, consumi circa 15m 3 di acqua. Si evince come il reparto dialisi abbia un ruolo importante nel consumo d’acqua giornaliero della struttura ospedaliera; d’altro canto però la sua funzione è vitale per la popolazione servita. L’obiettivo di questo studio è quello di analizzare una possibile soluzione per il riutilizzo dell’acqua di scarico del reparto dialisi e del sistema di filtraggio per la produzione dell’acqua pura; in particolare analizzare l’ipotetica installazione di tale sistema presso l’Ospedale San Marcellino di Muravera (Cagliari). La scelta della collaborazione con tale presidio ospedaliero non è casuale, la Sardegna risulta essere una delle principali regioni italiane afflitta dalla variazione climatica e da lunghi periodi di siccità; in particolare, dagl’ultimi studi effettuati dall’ARPAS, Muravera è una delle aree geografiche con un alto grado di sensibilità alla desertificazione (costruzione nuove dighe, consumo d’acqua intenso nella stagione estiva e disboscamento). Le risorse naturali riescono a soddisfare solo i 3/5 del fabbisogno sardo e ogni anno le precipitazioni risultano essere un’incognita critica da poter prevedere. In una situazione geografica tale, si intuisce come ci sia una maggior attenzione al consumo idrico, e ogni possibile risparmio possa essere fondamentale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acqua
water
dialisi
monitor
trattamento acqua
reuse
wastewater
dialysis
reverse osmosis
riutilizzo acqua

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi