Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le Private Military Firms e lo Stato. Un confronto sul monopolio della forza

Un confronto sul monopolio della forza. È ancora lo Stato a gestire l'utilizzo della forza legittima o nel mondo multipolare del post '89 la privatizzazione ha invaso anche l'ultimo campo ancora a gestione pubblica?
Le Private Military Firms si discostano notevolmente dalle vecchie icone del mercenariato, anarchico e individualista, presentandosi come aziende strutturate per la fornitura di servizi militari.
Lo Stato si è fondato sulla guerra e della guerra ne ha fatto un monopolio. Dalla pace di Vestfalia all'apogeo della guerra fredda l'ascesa dello stato nell'uso della forza legittima è stata inarrestabile.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE In questa trattazione si intende analizzare il ruolo che la privatizzazione militare ha avuto nel mondo post bipolare e l’impatto che essa ha tuttora nei confronti degli stati con una struttura consolidata. In particolare si cercherà di mettere in luce come le forze private di oggi si discostino molto dalle precedenti forme di mercenariato, assumendo i tratti di aziende per la fornitura di servizi militari. Inoltre si traccerà un’analisi che delinei in che maniera si posizionino queste aziende, definibili con l’acronimo PMF (Private Military Firms), nei confronti dello stato e del suo monopolio della forza legittima. La tesi si svilupperà in tre capitoli. I primi due saranno descrittivi e di introduzione agli argomenti trattati, ai fini di un’esposizione preliminare dei due elementi cardine dell’elaborato: la privatizzazione militare e lo stato. Nel terzo capitolo si affronterà invece un’analisi comparata dei rapporti intercorrenti tra militari privati, operanti sotto le PMF, e lo stato. L’obiettivo sarà quello di evidenziare quale possa essere l’impatto reale che la privatizzazione militare ha nei confronti degli stati, in particolare in quelli con una struttura amministrativa e governativa salda e con un apparato militare e di sicurezza completo, in grado di garantire allo stato stesso il monopolio della forza. Nella prima parte, in via preliminare, si metterà quindi in luce l’evoluzione storica del fenomeno del mercenariato, in un arco temporale che percorre alcuni momenti caratteristici della storia umana dell’Occidente, soffermandosi in particolare sul periodo contestuale alla nascita dello stato moderno, e che arriva fino alla fine del ‘900, con il crollo del mondo bipolare. Quindi si affronterà la forte tendenza verso la privatizzazione dei servizi statali che ha avuto il suo inizio proprio nel 1989, interessando tutti i settori, compreso quello militare, e che rappresenta la condizione necessaria allo sviluppo delle PMF. Successivamente si effettuerà un’analisi della privatizzazione militare così come si presenta oggi, ossia in una forma prettamente aziendale. In questo quadro, si proporrà pertanto una descrizione delle diverse tipologie di servizi che vengono resi da queste aziende, nonché un’esposizione dei loro possibili clienti, statali e privati. In particolare ci si soffermerà proprio sull’impatto che queste aziende hanno nei confronti degli stati “forti” e di come il loro

Laurea liv.I

Facoltà: Interfacoltà in Scienze Strategiche

Autore: Francesco Castiglia Contatta »

Composta da 54 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 177 click dal 04/03/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.