Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'epoca d'oro dell'industria cinematografica giapponese fra tradizione e modernità

Il lavoro tratta gli sviluppi dell'industria cinematografica giapponese in relazione al conflitto fra tradizione e modernità, uno degli esempi più evidenti di quanto il concetto di dualismo rappresenti una costante della società nipponica e dei suoi prodotti.
Il fine dell'elaborato è verificare se l’influenza delle modernità straniere, in particolar modo americane, abbia modificato o meno la struttura di questo sistema durante le varie fasi della sua evoluzione fino al momento di massimo splendore, attraversando la cosiddetta "epoca d’oro" del cinema giapponese.

Mostra/Nascondi contenuto.
5   Introduzione L’industria cinematografica in Giappone fu soggetta nel corso degli anni a notevoli trasformazioni, dovute principalmente al confronto con realtà esterne che sin dal principio esercitarono sul Paese del Sol Levante un grande fascino. L’interesse per le innovazioni straniere, tuttavia, ha da sempre dovuto scontrarsi con un atteggiamento ricorrente di fronte a qualsiasi tipo di novità: iniziale curiosità ed entusiasmo prima della piena assimilazione dell’idea e del conseguente adattamento ai propri modelli. Il presente lavoro tratta gli sviluppi del sistema cinematografico giapponese in relazione al conflitto fra tradizione e modernità, uno degli esempi più evidenti di quanto il concetto di dualismo rappresenti una costante della società nipponica e dei suoi prodotti. In questa sede il lasso di tempo analizzato abbraccia quella che viene generalmente considerata l’epoca d’oro del cinema. Dopo una breve anticipazione di carattere storico-culturale, il primo capitolo analizza il periodo iniziale di successo che investì la “settima arte” negli anni Venti, attraverso un’analisi dell’evoluzione del sistema produttivo in base all’influenza esercitata dai canoni hollywoodiani. Nel secondo capitolo viene presentato il decennio successivo con un riguardo particolare all’introduzione del sonoro e all’impiego di questa novità da parte delle case di produzione, fino all’emergere del nascente sentimento nazionalistico; quest’ultimo sfocerà nell’attuazione di una nuova politica inaugurata dal governo attraverso la prima censura sui film, tesa a regolamentare la produzione circoscritta al continente asiatico. Partendo dalle conseguenze dell’occupazione americana sull’assetto interno delle major, il capitolo conclusivo affronta le trasformazioni apportate dal contatto con gli Stati Uniti su un sistema produttivo rinnovato e orientato al mercato internazionale. Infine, dopo alcune statistiche volte a testimoniare l’apice della produzione, vengono brevemente esposti i motivi del declino dell’industria a partire dagli anni Sessanta. Il fine di questo percorso è analizzare se l’influenza delle modernità straniere, in particolar modo americane, abbia modificato o meno la struttura dell’apparato cinematografico giapponese durante le varie fasi del suo sviluppo fino al momento di massimo splendore.

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Lorenzo Leva Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 650 click dal 04/03/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.