Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Funzionalizzazione di alchinoni mediante reazioni con nitrosoareni

Da diversi anni la preparazione di molecole eterocicliche azotate a scheletro indolico costituisce una delle finalità più avanzate nella strategia di sintesi di prodotti organici ad alto valore aggiunto. Sostanze naturali e derivati della chimica fine, attivi biologicamente e farmacologicamente, presentano spesso strutture con anelli indolici sostituiti.

La strategia sintetica, impiegata in questa ricerca, prevede la reazione di anellazione di nitrosoareni con alchini, con lo scopo di sintetizzare molecole a scheletro indolico variamente sostituite in posizione C3.

In futuro la sintesi di derivati bis-indolici recanti due residui indolici con differenti proprietà elettroniche verrà perfezionata al fine di studiare le potenzialità di questi derivati come possibili conduttori organici.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Dalla prima sintesi dell'indolo di Baeyer nel 1866 11 , diverse vie sintetiche per la preparazione di indoli sono state introdotte e sicuramente in misura decisamente maggiore rispetto a qualsiasi altro sistema eterociclico o carbociclico 2 . Diverse reazioni portano i nomi dei loro scopritori al punto tale che i diversi testi di chimica eterociclica si occupano diffusamente delle sintesi indoliche di Fischer, Madelung, Bischler, Reissert, Nenitzescu, Leimgruber-Batcho, Gassman, per citare solo alcune delle più note ed utilizzate. Da diversi anni la preparazione di molecole eterocicliche azotate a scheletro indolico costituisce una delle finalità più avanzate nella strategia di sintesi di prodotti organici ad alto valore aggiunto. Sostanze naturali e derivati della chimica fine, attivi biologicamente e farmacologicamente, presentano spesso strutture con anelli indolici sostituiti. All'interno dell'importante serie di derivati naturali indolici possiamo annoverare lo scatolo, il triptofano, uno dei fondamentali amminoacidi e la serotonina, un neurotrasmettitore di particolare rilievo. Alcaloidi a struttura decisamente più complessa che presentano al loro interno una porzione di molecola a scheletro indolico sono stati da diverso tempo studiati e ne sono state evidenziate le loro origini naturali insieme ad una disamina completa delle loro proprietà dal punto di vista medico e biologico. N H CH 3 N H CH 2 COOH N H CH 2 CH 2 NH 2 HO N H CH 2 CHCOOH NH 2 scatolo acido 3-indolilacetico serotonina triptofano Tra questi possiamo annoverare la reserpina, appartenente alla famiglia della yohimbina, e nota per un impiego come sedativo ed ipotensivo. La vincamina è invece impiegata più frequentemente come farmaco antitumorale. Tra le altre molecole di natura indolica si possono ricordare inoltre potenti allucinogeni come la dietilammide dell'acido lisergico (LSD) e la stricnina impiegata per la sua azione eccitante e come antagonista nell'intossicazione acuta da barbiturici. 1 Baeyer, A.; Emmerling, A. Chemische Berichte, 1869, 2, 679. 2 Gribble, G. W. J. Chem. Soc., Perkin Trans., 2000, 1, 1045-1075.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Iacopo Pernice Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 217 click dal 04/03/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.