Skip to content

La soddisfazione e l'insoddisfazione lavorativa nei lavoratori atipici

Informazioni tesi

  Autore: Cira Ciotola
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Napoli
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze psicologiche
  Relatore: Paola Spagnoli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 60

Negli ultimi decenni i cambiamenti che hanno interessato e continuano a interessare il mondo del lavoro sono numerosi e hanno comportato una trasformazione radicale dello scenario entro il quale il lavoratore si muove. Difatti, in seguito alla crisi occupazionale dei primi anni Novanta, nel tentativo di ridurre le rigidità e lo scarso dinamismo del mercato del lavoro, diversi interventi normativi, tra cui l’introduzione nel 1997 del pacchetto Treu, introdussero nuove forme contrattuali definite atipiche, che nel tentativo di rendere più flessibile il mercato del lavoro, diedero il via al fenomeno del precariato. Pertanto, è importante tenere presente quanto questi interventi normativi influenzino anche la relazione tra lavoratore e lavoro, la soddisfazione che egli trae dal lavoro stesso e le conseguenze psicologiche che il lavoro atipico comporta. La Tesi è suddivisa in tre capitoli. . Nel primo capitolo si vuole contestualizzare l’argomento siccome il tema della soddisfazione lavorativa è stato introdotto solo recentemente all’interno della psicologia del lavoro e delle organizzazioni. La causa di ciò è dovuta al fatto che è stato impiegato molto tempo, prima che fosse accettata l’idea che le organizzazioni possano sia produrre sia essere creatrici di emozioni e che queste costituiscono una parte fondamentale ed inseparabile della vita lavorativa e organizzativa delle persone che operano all’interno dell’azienda. Infatti, agli inizi del XX secolo, lo scopo dell’azienda era quello di conseguire il miglior risultato, inteso in termini di costi e benefici economici, non tenendo in considerazione né l’ambiente di lavoro, né lo stato di soddisfazione e di salute del lavoratore, in quanto egli paragonabile ad un’appendice della macchina, che lavora in simbiosi con essa. È solo in seguito all’esperimento condotto tra il 1927 e il 1932, presso la Western Electric’s Hawthorne Works di Chicago, da Elton Mayo che vengono prese in considerazione le condizioni di malessere e le ragioni dello stato d'insoddisfazione dei lavoratori, al fine di salvaguardare l’integrità psichica e fisica del lavoratore, minacciata dal razionalismo e riduzionismo del metodo di Taylor. Nel secondo capitolo viene trattato il concetto della soddisfazione lavorativa, di lavoro atipico, nonché gli antecedenti della soddisfazione lavorativa in rapporto al lavoro atipico. Per quanto concerne il concetto di soddisfazione lavorativa, nonostante il suo utilizzo nella vita quotidiana, così come nella ricerca scientifica, non esiste ancora un accordo generale riguardo a ciò che è la soddisfazione sul lavoro. Difatti, la soddisfazione lavorativa può essere considerata come uno dei fattori principali quando si tratta di efficacia ed efficienza delle organizzazioni, in quanto le prestazioni dei lavoratori hanno un effetto significativo nel raggiungimento degli obiettivi aziendali, obiettivi a breve e a lungo termine che sono raggiungibili con lavoratori soddisfatti. Per quanto riguarda il lavoro atipico, il quale si caratterizza per quelle forme di impiego in cui non sussistono contratti espliciti o impliciti a lungo termine tra lavoratore e datore di lavoro, ha introdotto una trasformazione radicale nel mercato del lavoro, in quanto la mancanza di stabilità lavorativa genera un senso di precarietà e insicurezza lavorativa che tende ad accrescere il livello di insoddisfazione e disaffezione lavorativa (Famiani, Monti e Tomei, 2005) in quei lavoratori che involontariamente sono soggetti a svolgere un lavoro atipico per bisogno e non per volontà, rispetto a coloro che scelgono volontariamente di svolgere un lavoro a tempo determinato (Feldman, Doerpinghaus e Turnley, 1995). Tuttavia, con l’intento di comprendere ed effettuare una descrizione accurata dei diversi fattori che influenzano la soddisfazione e l’insoddisfazione lavorativa nei lavoratori atipici sono stati considerati diversi approcci. Nel terzo capitolo l’enfasi viene posta alle possibili conseguenze associate al lavoro atipico, come il sentimento di insicurezza lavorativa, percepito in alcuni lavoratori, che è capace di ledere la salute psicologica del lavoratore atipico, sino a fargli vivere una condizione di insoddisfazione esistenziale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO I Contestualizzazione “Se vuoi trasformare un Uomo in nullità non devi far altro che ritenere inutile il suo lavoro” . Dostoevskij. Agli inizi del XX secolo, a seguito delle modifiche che le rivoluzioni industriali avevano prodotto sull’assetto sociale ed economico, e delle novità introdotte dalle nuove ricerche tecnologiche, si era definita l’immagine di un lavoratore paragonabile ad una appendice della macchina, che lavora in simbiosi con essa, e che non può esplicitare bisogni diversi da quelli connessi alla tecnologia di cui l’azienda si avvale. Infatti, lo scopo dell’azienda era quello di conseguire il miglior risultato, inteso in termini di costi e benefici economici, non tenendo in considerazione né l’ambiente di lavoro, né lo stato di soddisfazione e di salute del lavoratore, valutato come un attore passivo da motivare con incentivi economici, ritenuti gli unici elementi importanti nella sua vita psichica. 1.1. Lo “Scientific Management” di Taylor. . Lo Scientific Management - elaborato all’interno delle industrie siderurgiche della Midvale Steel Corporation- nasce nel 1911 da un’idea di un ingegnere statunitense, Frederick Taylor, che vedeva l’azienda come una grande macchina e i lavoratori come gli ingranaggi di questa: Taylor studiò ogni movimento di ogni operaio per ottimizzare al massimo i tempi di lavoro e per eliminare i cosiddetti “tempi morti”. Per determinare questa “sequenza di tempi” dei lavoratori egli innanzitutto prese in

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
lavoratori
atipico
insoddisfazione
mercato del lavoro
taylor
soddisfazione lavorativa
teoria y
scientific management
insicurezza lavorativa
teoria x
elton mayo
effetto hawthorne
teoria organizational development
mcgregor
insoddisfazione professionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi