Skip to content

La pena carceraria nella Toscana Leopoldina

Informazioni tesi

  Autore: Sara Orlando
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Storia
  Relatore: Giovanni Cipriani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Il carcere, come tipo di pena e come tipo di struttura, è un argomento di discussione molto delicato che, tutt'oggi, suscita accesi dibattiti. Proprio perché molto spesso, e da ormai troppo tempo, sentiamo parlare di progetti di riforma carceraria per tutti quei penitenziari italiani fatiscenti ed esageratamente sovraffollati, abbiamo pensato di approfondire questa tematica, studiando, quando e come, questo tipo di pena abbia avuto concreto sviluppo.
Vista l'ampiezza dell'argomento, abbiamo circoscritto la nostra ricerca ad una singola regione della penisola italiana, in un periodo ben preciso: il Granducato di Toscana durante il governo di Pietro Leopoldo. Oltre ad un personale interesse per la mia regione di appartenenza, gli anni del sovrano Lorenese offrono una vasta documentazione relativa alla giurisdizione criminale che, come sappiamo, sotto il suo governo venne completamente riformata. Premesso che non ci occuperemo della Leopoldina, che è già stata ampiamente analizzata da vari studiosi, i cui contributi sono, per la maggior parte, confluiti in quella collana, intitolata: la "Leopoldina", criminalità e giustizia criminale nelle riforme del' 700 europeo , ci occuperemo esclusivamente della pena carceraria: di come questa venisse applicata e quanto sia stata utilizzata. Ovviamente, tratteremo della riforma penale sancita il 30 novembre del 1786, ma solamente nei confronti della pena carceraria. Prenderemo infatti la Leopoldina come uno spartiacque dei venticinque anni di governo di Pietro Leopoldo, cercando di vedere se, per il carcere, ci sia stato un cambiamento, un'evoluzione, sulla base degli argomenti trattati nel nuovo codice penale.
Una domanda a cui andremo a rispondere è, se fu proprio il XVIII secolo, il secolo dell'illuminismo e delle riforme, a influenzare la nascita della pena carceraria moderna. È necessario specificare che in realtà il penitenziario, per meglio dire la pena detentiva, è una realtà che si sviluppò solo nel secolo successivo, nell'Ottocento, ma i primi cambiamenti, i primi passi per un metodo di punizione, fino ad allora poco considerato, avvennero proprio nel periodo di nostro interesse. Questa ricerca è rivolta a capire se, nel Granducato di Toscana di Pietro Leopoldo, il sovrano, che più di tutti in Europa si avvicinò alle idee dei pensatori illuministi, si manifestò una nuova concezione riguardo alla pena carceraria e alle sue caratteristiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il carcere, come tipo di pena e come tipo di struttura, è un argomento di discussione molto delicato che, tutt'oggi, suscita accesi dibattiti. Proprio perché molto spesso, e da ormai troppo tempo, sentiamo parlare di progetti di riforma carceraria per tutti quei penitenziari italiani fatiscenti ed esageratamente sovraffollati, abbiamo pensato di approfondire questa tematica, studiando, quando e come, questo tipo di pena abbia avuto concreto sviluppo. Vista l'ampiezza dell'argomento, abbiamo circoscritto la nostra ricerca ad una singola regione della penisola italiana, in un periodo ben preciso: il Granducato di Toscana durante il governo di Pietro Leopoldo. Oltre ad un personale interesse per la mia regione di appartenenza, gli anni del sovrano Lorenese offrono una vasta documentazione relativa alla giurisdizione criminale che, come sappiamo, sotto il suo governo venne completamente riformata. Premesso che non ci occuperemo della Leopoldina, che è già stata ampiamente analizzata da vari studiosi, i cui contributi sono, per la maggior parte, confluiti in quella collana, intitolata: la "Leopoldina", criminalità e giustizia criminale nelle riforme del' 700 europeo 1 , ci occuperemo esclusivamente della pena carceraria: di come questa venisse applicata e quanto sia stata utilizzata. Ovviamente, tratteremo della riforma penale sancita il 30 novembre del 1786, ma solamente nei confronti della pena carceraria. Prenderemo infatti la Leopoldina come uno spartiacque dei venticinque anni di governo di Pietro Leopoldo, cercando di vedere se, per il carcere, ci sia stato un cambiamento, un'evoluzione, sulla base degli argomenti trattati nel nuovo codice penale. Una domanda a cui andremo a rispondere è, se fu proprio il XVIII secolo, il secolo dell'illuminismo e delle riforme, a influenzare la nascita della pena carceraria moderna. È necessario specificare che in realtà il penitenziario, per meglio dire la 1 La "Leopoldina" - Criminalità e giustizia criminale nelle riforme del' 700 europeo - ricerche coordinate da L. Berlinguer, Milano, Giuffré editore, 1988-1989-1990-1991-1995, più volumi. Ogni anno, il 30 novembre, la data della riforma, così cara a noi toscani, viene ricordata e celebrata annualmente dal 2000, quando venne assunta come anniversario per la festa della regione Toscana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pietro leopoldo
storia del carcere in toscana
le stinche di firenze
la pena carceraria in epoca moderna
il carcere in toscana nel 1700
la riforma penale
codice penale del 30 novembre 1786

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi