Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Teoria dei giochi ed analisi tecnica: un'applicazione ai mercati finanziari

In questo lavoro, prendendo spunto dal modello esposto da A. Kyle nell’articolo “Strategic trading when agents forecast the forecasts of other”, si è voluto analizzare l’applicabilità della Teoria dei Giochi ai mercati finanziari.
Le categorie di soggetti presenti sul mercato in esame sono tre: il Market-maker, gli Informed-traders (operatori che hanno accesso ad informazioni riservate) ed i Liquidity-traders (risparmiatori che investono senza avere alcuna informazione).
Il Market-maker svolge la funzione di determinare il prezzo di liquidazione di ogni titolo, in base alle funzioni di domanda ed offerta delle diverse categorie di traders; mentre gli altri operatori determinano i loro ordini facendo riferimento alla definizione di equilibrio di Nash di tipo Bayesiano.
Inizialmente, si è considerato il caso in cui tutti gli operatori sottopongono ordini “ottimali”, ossia determinano i loro investimenti utilizzando in modo efficiente le informazioni di cui sono in possesso.
In seguito, si è ipotizzato il caso in cui un operatore applica un disturbo casuale al suo ordine “ottimale” al fine di trarre in inganno gli altri traders e beneficiare così, nei periodi futuri, di un profitto maggiore.
Dopo aver definito algebricamente le formule che determinano il punto in cui il mercato è in equilibrio, utilizzando il programma mathematica 2.2 si è proceduto alla costruzione di un software che permettesse di esprimere un giudizio sulla validità del modello.
Durante questa analisi empirica si è rilevata l’esistenza di similitudini molto marcate tra il modello di Kyle, la teoria di Markowitz e l’equilibrio di Nash, tra le quali rivestono particolare importanza:
· il modo in cui ogni operatore è portato, come prima mossa, a scartare i portafogli che risultano strettamente dominati da altri;
· la strategia, utilizzata nei periodi in cui i corsi azionari sono molto volatili, definita come “Waiting Game”: essa consiste nel detenere i capitali disponibili, attendendo, per investire, il momento in cui i segnali rilasciati dal mercato presenteranno una variabilità minore.
Si è visto, infine, come i risultati ottenuti confermino sostanzialmente l’approccio descritto da Markowitz relativo alla gestione di un portafoglio finanziario.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1°: CENNI SULL’ANALISI TECNICA 1.1 INTRODUZIONE L’analisi tecnica è uno strumento utilizzato dagli operatori borsistici per cercare di prevedere l’andamento del corso dei titoli trattati. Volendo fare una distinzione tra i metodi di previsione si possono individuare: ξ Il metodo qualitativo, utilizzato nei casi in cui non ci sono dati storici. ξ Il metodo quantitativo, sfruttato in presenza di serie storiche di dati osservati. Poiché il presupposto fondamentale dell’analisi tecnica è la previsione dei prezzi studiando l’andamento dei corsi assunti dai titoli, in generale si utilizza il metodo quantitativo. I dati di una serie storica, infatti sotto il profilo temporale, si scompongono in diverse tendenze, che variano sempre allo stesso modo (per capire meglio, si può pensare ad un ingrandimento di una parte di una curva frattale, la quale è simile al frattale originario). La scomposizione più seguita è quella che individua nella serie storica tre tendenze principali: 1. PRIMARIA: la durata è solitamente di uno o due anni; infatti statisticamente si è provato che la distanza tra due minimi successivi è circa 3,6 anni, con la durata del mercato ascendente (bull market) superiore a quella del mercato discendente (bear market). 2. INTERMEDIA: la durata varia da tre settimane a sei mesi. La conoscenza della tendenza intermedia è utile per incrementare i profitti se si opera a breve termine. 3. A BREVE TERMINE: la durata varia da una a quattro settimane.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Paolo Bergamino Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 13762 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.