Skip to content

Automazione del comparto biologico di un impianto di trattamento acque reflue civili a fanghi attivi, mediante sonde Ox-Redox con telegestione su cloud

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Difonzo
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Trattamenti acque reflue finalizzati al loro riutilizzo irriguo
Anno: 2013
Docente/Relatore: A. Ferruccio Piccinni
Istituito da: Università degli Studi di Bari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 36

Il presente lavoro è, in sintesi, il risultato di un’esperienza svolto nell'ambito di un corso di alta formazione finalizzata a ripartire, in un’ottica multidisciplinare e applicativa, le tecniche più innovative attinenti al trattamento dei reflui e relativo reimpiego irriguo della risorsa.

Uno dei limiti tecnici che ostacola la diffusione della best-practice del riutilizzo di acque reflue depurate è circoscritto nella difficoltà di gestire un processo di rimozione biologico, affinché mantenga l’efficienza costante nel tempo e sia sostenibile nelle interazioni con il sistema ambiente.
La gestione degli impianti di trattamento delle acque reflue rappresenta una scienza che ingloba nozioni d’impiantistica, idraulica, microbiologia, chimica-fisica ed elettro-meccanica, inoltre in virtù dei molteplici gradi di variabilità legati alla continua instabilità dei carichi e della natura degli scarichi, si può dire come tale scienza risulta ancora poco ammaestrata.
La ricerca industriale negli ultimi anni, ha proposto diverse soluzioni a tale problematica individuando due strade percorribili; da una parte, lo studio del fenomeno su scala pilota, con risultati deludenti vista la scarsa replicabilità su scala reale, e dall'altra attraverso l’installazione di "package" costituiti da sonde poste in campo e software in grado di governare le architetture di elaborazione dati e controllo.
Tale soluzione, seppur in grado di fornire segnali positivi verso il miglioramento delle efficienze di abbattimento inquinanti, rappresenta una metodologia con elevati oneri economici e giustificata solo nel caso di grandi stazioni di trattamento.
La metodologia proposta in questa attività di ricerca industriale, risponde all'esigenza generalizzata e diffusa nel territorio nazionale di contenere gli investimenti nel comparto strumentale, in quanto maggiormente presente la taglia medio - piccola delle stazioni di trattamento.
Nel dettaglio si mira a diffondere l'applicazione della ICT a servizio dell’ingegneria di processo degli impianti di trattamento dei reflui civili, attraverso un monitoraggio puntuale, costante e intensivo dei parametri chimico-fisici necessari a trarne considerazioni e correlazioni per indicare gli interventi richiesti da una gestione ordinaria e/o straordinaria dell’impianto.
Si realizza a tal fine, un sistema intelligente in grado di descrivere gli eventi storici dell’impianto ai fini di definirne, interpretando opportunamente i dati, gli algoritmi che ne governeranno il funzionamento.
In altre parole è stato realizzato un sistema di supporto alle decisioni che integra le nozioni provenienti dall'ingegneria di processo con gli elementi ad alto contenuto tecnologico racchiusi nelle tecnologie del telecontrollo e della gestione su piattaforma cloud.

La potenzialità di questo strumento utile alla ricerca per raggiungere risultati sperimentali di qualità e in poco tempo, è ascrivibile anche alla possibilità semplificata di integrare ulteriore strumentazione (revamping strumentale) non essendo regolamentata dalla logica dei "package" sopra citati.
Ribadendo quanto detto, una parte della sperimentazione ha riguardato la stabilizzazione del tenore di ossigeno del reattore biologico, e l’altra l’introduzione di un nuovo parametro di misura (ORP, potenziale di ossido-riduzione), come elemento di misura a tecnologia consolidata e a basso costo, per ottenere correlazioni sull'andamento del processo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa Il presente elaborato rappresenta il documento finale relativo ad un progetto di ricerca sviluppato in collaborazione con Intesis s.r.l., nell’ambito del P.O.N. In.Te.R.R.A. 01_01480 intitolato “Innovazioni Tecnologiche e di processo per il Riutilizzo delle acque Reflue urbane e Agro- industriali ai fini della gestione sostenibile delle risorse idriche.” Il percorso di alta formazione alla base dell’attività prevista dal progetto di ricerca complessivo, si è articolato in due fasi differenti, una attraverso la formazione teorica orientata al trasferimento di competenze e conoscenze con approccio integrato e legato al concatenamento delle multidisciplinarietà, e l’altra tramite l’applicazione in un contesto reale (mondo aziendale) dei risultati della ricerca, come elemento d’incontro con le strategie aziendali nella conquista di un know-how spendibile sul mercato. La possibilità di cooperare in un contesto aziendale forte del proprio know-how, unito alla potenzialità di dialogare con i soggetti costituenti la partnership del P.O.N. In.Te.R.R.A. (soprattutto C.N.R. – I.R.S.A.) ha permesso l’avvicinamento all’assetto regionale ed alle dinamiche che ruotano attorno al tema “depurazione reflui e gestione sostenibile” sommando i benefici di una visione puramente aziendale alla ricerca scientifica. L’attività di stage oggetto del presente lavoro è stata finalizzata alla progettazione di applicativi software per raggiungere un target di ottimizzazione nella gestione del comparto biologico di uno specifico impianto di trattamento a servizio di un agglomerato urbano. Il progetto realizzato nel contesto aziendale ha dato il via ad un nuovo approccio d’indagine, focalizzato sulla predisposizione di metodiche di ricerca supportate da elementi ad alto contenuto tecnologico, tuttora assenti o poco presenti nella gestione del ciclo idrico ed, in particolare, nel comparto depurazione reflui. L’anello di giunzione tra il target ultimo del P.O.N. In.Te.R.R.A e il focus del lavoro di seguito illustrato è identificato nella fattibilità tecnica ed economica di spingere un territorio, quale la Puglia, al riutilizzo irriguo, solo dopo aver garantito il corretto funzionamento delle stazioni di trattamento, al momento gestite poco efficacemente. In altre parole si vuole descrivere in questa sede una metodica di supporto alla gestione dei siti di trattamento, trasferendo i concetti raggiunti dall’industria di processo, implementandoli nella complicata materia del trattamento reflui.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
red[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ottimizzazione
gestione
acque reflue
automazione
fanghi attivi
telecontrollo
cloud
redox
orp
comparto biologico

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi