Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I beni pubblici e le modifiche apportate al demanio

La tesi parla dei beni pubblici analizzando il Codice Civile, specificandone le tipologie e le diverse caratteristiche; vengono anche trattate tipologie non derivanti dalle norme del Codice. La tesi tratta, inoltre, in modo non troppo approfondito ma comunque completo la Patrimonio dello Stato s.p.a. e l'Agenzia del demanio, per arrivare poi all'argomento centrale, nel secondo capitolo: il Federalismo demaniale. Il Federalismo demaniale viene trattato dalla legge al d.lgs. che lo hanno portato in applicazione per approfondirne poi i caratteri e i benefici che esso comporta.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo I I beni pubblici 1. I beni pubblici 1.1. Regime giuridico dei beni demaniali e patrimoniali L'art. 42 della Costituzione afferma che <<la proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati>>. Da qui l'opinione condivisa è che lo Stato non solo può essere titolare di un diritto di proprietà su beni - mobili ed immobili - ma anche che alla proprietà pubblica si applica una disciplina differente rispetto a quella della proprietà privata. Per giustificare questa differenziazione occorre tenere a mente la funzione che i beni pubblici assolvono nell'attività amministrativa: tali beni sono affidati alla P.A. affinché essa li utilizzi conformemente al perseguimento degli interessi istituzionali previsti dalla legge. Non tutti i beni però posso essere indifferentemente pubblici o privati, il codice civile, infatti, elenca alcuni beni per cui è preclusa la proprietà di privati in quanto non possono non essere pubblici. E' presente un'attenzione al profilo dell'appartenenza pubblica del bene, o meglio, un'attenzione alla natura pubblica del soggetto a cui il bene appartiene; da ciò si definisce un bene come pubblico poiché è in proprietà di un ente pubblico. A questo criterio - soggettivo - individuativo dei beni pubblici se ne affianca un altro - oggettivo - che guarda la destinazione dei beni ad esigenze della comunità. Il codice civile dedica il secondo capo del titolo relativo ai beni in generale ai "beni appartenenti allo Stato" 1 e negli artt. 822-831 1 Codice civile, libro terzo, capo II "Dei beni appartenenti allo Stato, agli enti pubblici, e agli enti ecclesiastici".

Diploma di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Martina Chirminisi Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2271 click dal 21/03/2014.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.