Skip to content

Svalutazioni competitive: un’analisi comparata degli effetti su prezzi e quantità. Il caso italiano

Informazioni tesi

  Autore: Alberto Bagnara
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia & Management
  Relatore: Andrea Fracasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Questo lavoro si propone di indagare gli effetti di un deprezzamento del tasso di cambio in termini di aumento del prezzo relativo dei beni importati e di variazione delle quantità domandate per verificare se, tenute ferme alcune variabili di cui poi si parlerà, una svalutazione competitiva potrebbe dare slancio ad un’economia, come quella italiana, che ha bisogno di crescita e occupazione dopo anni di stasi. Tale svalutazione – ovviamente – sarebbe possibile solo nel caso in cui l’Italia abbandonasse la moneta unica recuperando la sua sovranità monetaria. Poiché il nostro paese è membro fondatore dell’Unione Europea e uno dei primi ad avere adottato la moneta unica una soluzione di questo tipo, oltre a non essere considerata realistica, allo stato attuale, dalla maggior parte degli economisti, sembra inapplicabile. Nondimeno una certa parte di letteratura scientifica considera auspicabile un recupero di sovranità monetaria, come si vedrà, per ripristinare la competitività dell’export italiano rispetto ai concorrenti europei. Obiettivo di questa tesi è confrontare le diverse opinioni in merito e provare a dare indicazioni in contesto di equilibrio parziale di quelli che sarebbero gli effetti quantitativi su prezzi e quantità domandate di tale manovra.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
9 INTRODUZIONE Una svalutazione dell’euro rispetto ad altre valute può provocare effetti diversi: inflazione e variazione delle quantità importate ed esportate. In questo lavoro si affrontano entrambi gli aspetti, adottando due modelli diversi, senza utilizzare un approccio di equilibrio economico generale, eccessivamente complesso in questa sede. Il lavoro si compone di tre capitoli. Il primo capitolo è caratterizzato da una breve introduzione storica, nella quale s’illustreranno i meccanismi e le problematiche che hanno portato alla nascita dell’Unione Monetaria Europea: la storia economica e monetaria del nostro paese, come si vedrà, è stata strettamente legata a quella europea negli ultimi cinquanta anni, e l’Euro è solo l’ultimo di una serie di “step” che l’Italia ha percorso per allineare il suo tasso di cambio a quello dei nostri vicini europei. La crisi economica ha poi rotto l’instabile equilibrio perfetto 1 tra i paesi dell’Eurozona, facendo emergere diversi contributi di una certa letteratura, contraria all’introduzione di una moneta unica tra i paesi europei, finora rimasta latente. Il dibattito è tuttora molto vivace: si presenteranno discorsivamente alcuni contributi dei maggiori analisti, tra i quali i più citati sono il professor Alberto Bagnai e il professor Tommaso Monacelli. Nel secondo capitolo del lavoro si guarda al possibile effetto inflattivo di una svalutazione dell’Euro usando una tecnica basata sulle “Input Output Tables”, chiamate semplicemente tavole “I/O” nel prosieguo della trattazione. Qui si assume che le quantità prodotte e vendute rimangano fisse e uguali a quelle delle I/O. Si deriverà così l’impatto possibile della svalutazione sui prezzi basandosi sulla matrice, che compatta tutti i cicli di acquisti di beni intermedi e restituisce l’effetto dello shock iniziale a livello globale (in termini di tasso di inflazione) e sulle singole branche dell’economia. 1 «Per molti anni l'euro, questo bombo ha volato bene senza che si sapesse come. Ma ora è venuto il momento di evolversi e l'euro deve diventare una vera ape», dal discorso di Mario Draghi, presidente della Banca Centrale Europea, intervenendo alla Global Investment Conference a Londra alla vigilia della cerimonia di apertura delle Olimpiadi. All’interno dell’editoriale di Roberto Napoletano - Il Sole 24 Ore -, 26 Luglio 2012

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

euro
europa
inflazione
materie prime
germania
debito
input output
sovranità monetaria
marshall lerner
svalutazione competitiva

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi