Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'innovazione del business model nei settori produttivi maturi: il caso Indesit Company

L’innovazione è certamente l’asse strategico dello sviluppo imprenditoriale e costituisce la ragione d’essere delle imprese nella dinamica di un mercato aperto alla concorrenza e soggetto a frequenti mutamenti.
Quando si cerca di capire cosa si intende per innovazione, si scopre come, di sovente, questo termine venga utilizzato con un’accezione molto ristretta, quasi fosse un sinonimo di cambiamento tecnologico, commettendo così un grave errore (Garcia, Calantone, 2002).
Nel presente lavoro si parla, invece, di innovazione in un’accezione trasversale: essa non rappresenta in sé un’opportunità strategica aggiuntiva o diversa, ma si configura come qualcosa di intimamente legato al concetto stesso di fare impresa e alle modalità di realizzazione della strategia.
Solamente possedendo una buona capacità di innovare, si potrà far evolvere correttamente e tempestivamente il proprio business, individuando problemi ancora irrisolti per poi applicare le proprie competenze nello sviluppo di soluzioni efficaci.
L’attenzione verso questo tema è scaturita dalla lettura di un libro del professor Christensen dell’Harvard Business School il quale sottolinea l’importanza di questo tema.
In questo suo libro, il professore denunciava la poca innovatività delle aziende italiane: egli affermava che il successo tramite innovazioni scardinanti rappresentava un fenomeno raro per le aziende italiane abituate a crescere attraverso investimenti pubblici e/o monopoli.
Anche le piccole-medio aziende, leader a livello globale, dopo essere diventate monopoliste all’interno del loro segmento di mercato, decidevano di prosperare all’interno dello stesso.
Questo era quello che scriveva lo stesso Christensen un po’ di tempo fa riguardo la situazione italiana.
Si parte con il Capitolo 1 il quale tratterà un’analisi del percorso evolutivo del concetto di innovazione nel tempo; qui cercherò di analizzare i pensieri dei più autorevoli esponenti al riguardo e di metterli a confronto in modo da dare un po’ di dinamicità all’analisi.
Quello che cercherò di mettere in evidenza è la stretta relazione tra contesto e significato del termine innovazione; verrà sottolineato il concetto secondo il quale il significato si è evoluto nel tempo anche e soprattutto in relazione all’ambiente circostante.
Nel Capitolo 2 verrà affrontato il tema dell’innovazione e come questa contribuisce al vantaggio competitivo.
L’intenzione sarà quella di rimarcare il concetto di innovazione nella sua accezione trasversale, ossia qualcosa di intimamente legato al concetto stesso di “fare impresa” e alle modalità di realizzazione della strategia.
Si proseguirà con il focus del lavoro, contenuto nel Capitolo 3, ossia l’innovazione del business model visto come collegamento tra visione strategica e approccio progettuale innovativo.
In conclusione, nel Capitolo 4, i temi dell’innovazione strategica e/o del business model verranno calati in un caso aziendale.
Ho preso in esame un’azienda, come l’Indesit Company, che ben si presta a quest’analisi.
Il fatto stesso di operare in un settore produttivo maturo, come quello degli elettrodomestici, rende più difficoltoso lo sviluppo e il sostenimento dei vantaggi competitivi nel tempo.
Quello che si cercherà di analizzare e di dimostrare è come la stessa sia riuscita a crescere e a svilupparsi in maniera continuativa grazie alla continua innovazione, non solo tecnologica, ma anche e soprattutto innovazione strategica e del business model.
Quello che si cercherà di porre in evidenza sarà l’importanza di considerare l’innovazione correlata al business model che la sostiene e come ciò non può non prescindere da una continua analisi e revisione dello stesso.
Solo mettendo in discussione continuamente il proprio business model si potrà produrre un flusso di innovazioni continuo nel tempo e scaturente solidi vantaggi competitivi.
Le ricerche effettuate sono state basate sull’utilizzo di dati primari, ossia interviste effettuate in azienda e per via telefonica; dati secondari, ossia documentari, articoli e interviste su periodici, e direttamente dal sito dell’azienda interessata (www.indesitcompany.com), il quale contiene tutte le informazioni riguardo ai vari aspetti dell’azienda.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Capitolo 1 PERCORSO EVOLUTIVO DELL’INNOVAZIONE: UNA PROPOSTA INTERPRETATIVA 1.1 Premessa Il percorso evolutivo del concetto di innovazione è costellato da innumerevoli contributi di autori che hanno fatto del concetto stesso un contenitore differente a seconda degli obiettivi preposti e del contesto. Il punto di partenza per addentrarsi in questo percorso è costituito dalla seguente domanda: Che cosa si intende per innovazione? Partendo dalle origini del termine, è possibile affermare che deriva dal greco e significa “fare qualcosa di nuovo”. Questa definizione ci riporta un significato della parola “innovazione”, ma non tutti quelli che si possono nascondere nel termine stesso. L’ambiguità e la vastità dei significati che caratterizzano il concetto “innovazione” ha dato luogo a lunghi dibattiti che certamente non hanno portato alla costruzione di una comune tendenza in materia. In una definizione generale, possiamo definirla come la messa in opera di una concezione nuova del o nel processo di creazione del valore 1 . 1 Sul concetto di valore e sul processo per la sua creazione si veda Catturi (2003).

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Stefania Manganiello Contatta »

Composta da 190 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2071 click dal 01/04/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.