Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il concetto di affinità fra prodotti o servizi nella legge sui marchi

La tesi analizza il concetto di affinità tra prodotti e servizi in relazione alla materia dei marchi d'impresa registrati. Il concetto è stato introdotto nella legge-marchi nazionale con la riforma del 1992, in recepimento della Direttiva comunitaria 89/104/CEE, sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d'impresa. Tuttavia, di affinità si parlava anche prima di questa riforma, quindi il concetto (piuttosto nebuloso anche a detta dei maggiori studiosi della materia) è considerato nella sua evoluzione storica, sia con riguardo alla normativa ed alla giurisprudenza nazionali, sia in relazione agli aspetti di Diritto Comunitario. Una breve analisi, infine, è dedicata anche al concetto di affinità nelle legislazioni e nella giurisprudenza di alcuni Paesi europei.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo primo FUNZIONE E TUTELA DEL MARCHIO 1 Il marchio come segno distintivo La nostra vita quotidiana è certamente facilitata dalla presenza di una nomenclatura, costituita da segni - anche molto diversi tra loro - che individuano ogni entità (persona o cosa) rientrante nella realtà che ci circonda. ùQuesti segni rivestono una funzione che è definita distintiva, quindi d’individuazione e di differenziazione delle entità cui si riferiscono: un esempio tipico di segno, inteso in questo senso, è il nome delle persone. La creazione di questi segni risponde, dunque, all’esigenza della società di distinguere singole entità - oppure classi di entità - che presentano determinate caratteristiche, da altre entità, con caratteristiche diverse: un’esigenza, quindi, di individuare (e di essere individuati) facilmente e rapidamente. Anche nel contesto del mercato (in modo speciale con riguardo agli imprenditori che vi operano e a quanto essi offrono) è avvertita quest’esigenza di differenziazione ed è perciò che vi è stato introdotto l’uso di particolari segni che svolgono, appunto, funzione distintiva. Il marchio, in particolare, rientra nella categoria dei segni distintivi dell’impresa che, a loro volta, fanno parte della più generale categoria dei segni

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Gian Paolo Zuccotti Contatta »

Composta da 272 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2711 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.