Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lavorare con la differenza: uno sguardo antropologico sul ruolo degli operatori che lavorano con l'autismo

Il presente elaborato parte da un interesse personale e professionale nei confronti della disabilità; in particolar modo ho scelto di parlare dell'autismo in quanto rappresenta un disturbo complesso e poliedrico che da qualcuno è definito solamente un diverso modo di stare al mondo; a tel proposito mi sono proposta di indagare come si crea la differenza, intesa come devianza, illustrando a grandi linee cos'è l'autismo e i dsa, passando in rassegna le diverse tappe di sviluppo del trattamento della malattia mentale in Italia, arrivando infine a illustrare i limiti che si incontrano in un lavoro come quello dell'educatore o dell'operatore che lavora con l'autismo, limite creato da barriere sia fisiche e ambientali sia verbali, cioè di come lo stigma viene creato anche attraverso le parole.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione “Gran parte della conoscenza del mondo non è una rappresentazione di ciò che è ma è una costruzione sovrapposta all’esperienza. La comprensione di questo concetto riesce piuttosto difficile a diverse persone. Il mondo dell’esperienza sensibile sembra così solido e reale, e la trama concettuale che lo interpreta è così coerente che, sembra fantasioso sostenere che la realtà percepita è in gran parte un sistema di metafore proiettato sul mondo, più che la sua fedele riproduzione” 1 . Il presente elaborato nasce da una volontà di riflessione personale su alcuni temi che mi sono cari e che riguardano la mia professione e i suoi riflessi sulla società e viceversa; da alcuni anni ormai lavoro come educatrice professionale con la disabilità in diversi ambiti, a scuola e nel tempo libero; sin dall’inizio, (e tuttora) quando mi sono trovata a parlare con la gente del mio lavoro ho sentito le frasi più svariate, dal “ brava, complimenti, al “ma come fai, io non lo farei mai” , ad alcune che mi hanno fatto capire che il lavoro dell’educatore non è ancora assimilato dalla gente e dalla società, e che quindi spesso gli altri, quelli al di fuori di questo contesto, i non esperti del mestiere, per semplificare le cose associano questa professione al “tenere dietro o “fare compagnia” alle persone con “problemi”; capita in questa confusione di ruoli, che anche per me sia stato difficoltoso collocarmi sulla scena sociale, ma per fortuna questo momento è già stato superato. Il lavoro educativo è un mestiere complesso e vario, che nonostante i numerosi testi di letteratura sull’argomento, si apprende solo attraverso l’esperienza, il fare e il ragionare insieme; inoltre a seconda del contesto e del percorso di studi seguito, cambiano anche i compiti, (che molto spesso, soprattutto nelle situazioni non strutturate, non sono sempre chiari). Ho scelto così di approfondire il tema della disabilità, in quanto ambito della differenza in cui è ancora forte la contrapposizione da parte della gente tra “noi” e “loro”, noi normali, loro non normali, come se fossimo due gruppi che vivono lontani e separati. In particolare ho deciso di prendere in considerazione la realtà dell’autismo, in quanto ha da sempre destato il mio interesse; essa può essere considerata una disabilità particolare, complessa e poliedrica, e soprattutto caratterizzata (come ci raccontano i numerosi esempi della letteratura sull’argomento) dal non provare interesse per i rapporti sociali in genere; per svolgere la mia ricerca mi sono avvalsa della collaborazione degli operatori del Centro autismo di Reggio Emilia: in questo centro, che è 1 D.E. Moerman, “Placebo”, Edizione Vita e Pensiero, Milano, 2004;

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Lettere e Beni Culturali

Autore: Federica Novara Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2852 click dal 09/04/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.