Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Riscrivere la storia: ''Manituana'' di Wu Ming e il romanzo neostorico italiano

Il presente elaborato è una critica all'opera di Wu Ming, collettivo di scrittori che negli ultimi decenni è stato al centro del dibattito letterario italiano attorno alle tematiche concernenti la riscrittura della storia e la narrativa tout court. Di loro sono state analizzate alcune opere ("Asce di guerra, "Manituana", "New Italian Epic")sia da una prospettiva di disanima stilistica e strutturale, sia in un'ottica comparativista con quelle pubblicate da scrittori coevi italiani e non. Inoltre è stato vista e criticamente scandagliata la realtà politica che in qualche misura ha dato i natali al progetto Wu Ming, ossia il Luther Blissett Project.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente elaborato si propone di essere una critica alla narrativa del collettivo Wu Ming, gruppo di scrittori che, nel recente panorama delle lettere italiane, ha avuto modo di distinguersi da diverse e non trascurabili prospettive. Il presente mio lavoro non deve venir considerato come una sorta di compendio volto ad una totale comprensione analitica della loro poetica, ma in qualità di strumento consono ad una sua più critica osservazione. Tramite l’approfondimento di parte della loro opera, nonché dell’insieme di pubblicazioni identificate dalla critica come “romanzi neostorici italiani”, in cui in veste d’autori i Wu Ming s’inseriscono, si cercherà di capire quale sia il loro ruolo all’interno della letteratura italiana contemporanea, quale sia il loro rapporto con la tradizione, cosa differenzi o accomuni il collettivo ad altri scrittori affini a movimenti letterari coevi, quale ad esempio la letteratura postcoloniale. Nel primo capitolo, la riflessione verterà principalmente sulla strutturazione di quel che è stato il Luther Blissett Project, laboratorio politico dalla cui fine, agli inizi degli anni Zero, Wu Ming nacque, cominciando poco dopo a muovere i primi passi all’interno del mondo editoriale italiano con Asce di guerra. Del progetto verranno esaminati i tratti teorici, e di prassi, che nella seconda metà degli anni ’90 lo contraddistinsero come realtà tesa a sovvertire le dinamiche di affabulazione culturale attraverso cui istituzioni, e mass-media, si proponevano di preservare lo status quo vigente. Di esso verrà inoltre analizzato peculiarmente il romanzo rappresentativo, Q, nel tentativo

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lingua e Cultura Italiana

Autore: Andrea Gasparini Contatta »

Composta da 177 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 890 click dal 03/04/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.