Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Lo sviluppo del movimento psicoanalitico in Brasile con particolare riferimento all'influenza esercitata da W. Bion

L'obiettivo della mia tesi è stato fin dall'inizio effettuare una ricerca sull'influenza dello psichiatra Bion in Brasile e soprattutto sull'argomento delle supervisioni inedite tra cui una paziente cieca, una signora che riferisce il suo sogno e un bambino di 8 anni che aspetta di essere aiutato a comprendere gli aspetti della sua comunicazione pre-verbale. Di conseguenza, all'inizio, ho cercato di riportare la storia della società brasiliana di psicoanalisi, tra cui la nascita della prima sede IPA in Brasile e il suo riconoscimento definitivo. In seguito ho riportato la vita di Bion, le sue opere e la grande influenza sulla psicoanalisi brasiliana e sugli analisti brasiliani.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO Storia della società brasiliana di psicoanalisi 1- Precursori del movimento psicoanalitico brasiliano Prima di passare all’esame del movimento psicoanalitico brasiliano, ritengo opportuno presentare brevemente i precursori di questo movimento (Perestrello 1987). Questi, per lo più autodidatti, hanno approfondito le teorie freudiane divulgandole e tentando di usare la tecnica analitica in un’epoca in cui, in Brasile, non esistevano psicoanalisti formati o formatori. Si considerano come precursori del movimento psicoanalitico i divulgatori della psicoanalisi prima del 1937, anno in cui una psicoanalitica tedesca, Adelheid Koch, specializzata presso L’associazione psicoanalista Internazionale, iniziò, a San Paolo, le prime analisi didattiche. I precursori del movimento psicoanalitico brasiliano sono stati: Juliano Moreira, Antonio Autregesilo, José Joaquim de Campos, Mario Martins, Ciro Martins, Mauricio de Medeiros, Julio Pires, Porto-Carrero, Durval Marcondes, Murillo de Campos, Arthur Ramos de Araùjo Pereira. Juliano Moreira si può considerare l’innovatore della psichiatria brasiliana. Fin dal 1899, egli commentava le idee di Freud, durante le lezioni di cultura tedesca a Bahia. A lui fu facile leggere il testo originale delle prime opere psicoanaliste di Freud. Nel 1914, come risulta da una sua comunicazione alla Società Brasiliana di Neurologia, egli commenta e illustra il metodo freudiano. Successivamente, essendosi trasferito da Bahia a Rio de Janeiro, egli cercò di reclutare e selezionare discepoli intelligenti e motivati. Nel 1929, come direttore dell’ospedale Psichiatrico “Praia da Saudade”, consentì agli psichiatri Carneiro Airosa e Murillo de Campos di installare, in quel nosocomio, un consultorio psicoanalitico.

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Livia Rosa Greco Contatta »

Composta da 79 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 187 click dal 09/04/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.