Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Nuove frontiere dell'informazione: giornalismo online e Twitter

Questo elaborato è un viaggio nel corso delle tre grandi invenzioni che hanno rivoluzionato il mondo del giornalismo: l'invenzione della stampa a caratteri mobili, l'avvento di Internet e la diffusione dei Social Media.
Il giornalismo sta cambiando, la carta non è più lo strumento principale attraverso cui viaggiano le notizie. L'online sta prendendo sempre più spazio e in futuro è destinato ad avere il sopravvento: le notizie principali saranno date su Internet, continuamente aggiornate, e il cartaceo fornirà gli approfondimenti.
I social media, in particolare Twitter sono degli strumenti che mettono insieme sintesi, tempestività e possibilità di aggiornare in tempo reale: sembrano fatti apposta per il giornalista

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Il giornalismo è una professione che è sempre esistita. Allo stesso modo, lo scopo del giornalista è sempre stato quello di contribuire alla comprensione di ciò che accade nel mondo. Nel corso di secoli di storia, questa professione, è sempre stata in continuo mutamento e adattamento alle varie innovazioni che si sono susseguite col trascorrere del tempo. A variare però sono stati gli strumenti di cui il giornalista si è servito e non gli scopi e gli obiettivi che il professionista dell’informazione dovrebbe cercare di raggiungere sempre nel suo operato. Questo lavoro viene a conclusione di un percorso durato tre anni in cui, grazie a quanto offerto da una Facoltà poliedrica come è quella di Scienze Politiche, Economiche e Sociali, ho capito il percorso che voglio intraprendere negli anni a venire. Il mestiere del giornalista è un mestiere affascinante che permette di restare sempre al contatto con i fatti reali che accadono, che vanno studiati, capiti e interpretati per offrire ai lettori una spiegazione obiettiva di quello che succede nel mondo. Il bagaglio di un giornalista è fatto di numerosi elementi che solo con un continuo aggiornamento e un’attenta osservazione del mondo reale è possibile conseguire. Non si diventa giornalista studiando un libro, ma lo si diventa costruendo giorno dopo giorno un proprio bagaglio culturale, fatto di esperienze sul campo e non solo. È fondamentale per un giornalista capire a fondo la propria professione, e per far questo è importante conoscere la storia del giornalismo, come è cambiata e si è adattata nel corso di lunghi secoli. In questo mestiere, in continua transizione, è importante innanzitutto essere coscienti dei cambiamenti che stanno avvenendo nella società contemporanea e sapersi adattare ad essi. Molti giornalisti vedono il proprio status come un vantaggio, si sentono parte di un élite e non vogliono accettare che come cambia il mondo, e come cambiano tutte le professioni, anche quella del giornalismo è in continuo mutamento. Le grandi innovazioni che hanno contribuito a cambiare più di ogni altre il mondo del giornalismo sono l’invenzione della stampa a caratteri mobili, l’avvento di Internet e la creazione dei social media. Questa tesi vuole quindi essere un viaggio che attraversa queste grandi trasformazioni. Nel primo capitolo ho voluto analizzare come il giornalismo che abbiamo conosciuto per anni, quello della carta stampata, sia in una profonda crisi dalla quale non ne uscirà tanto

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche, Sociali ed Economiche

Autore: Luca Castelli Contatta »

Composta da 57 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3562 click dal 15/04/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.