Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il triage infermieristico: indagine conoscitiva

Con il termine Triage si intendono tutte quelle azioni svolte durante l'accoglienza dei pazienti che accedono al pronto soccorso, e che tendono ad identificare la gravità clinica presunta e, conseguentemente, a stabilire la priorità di intervento; l'accesso, così, alle cure non avviene in base all'ordine di arrivo degli utenti, ma alla gravità delle loro condizioni, facilmente riconoscibile dall'uso di quattro codici colore standard, ormai applicati in tutta Italia, di facile interpretazione.

In questi ultimi anni la sensibilizzazione al problema dell'emergenza è notevolmente aumentata, a causa e della crisi della figura del medico di base, e all'aumento della popolazione non comunitaria, ed alla facilità di accesso alle cure del pronto soccorso. Si è sentita, quindi, l'esigenza di emanare riferimenti legislativi in materia, con il tentativo, soprattutto, di omogeneizzare le prestazioni a carattere di emergenza-urgenza. Il triage è, appunto, una delle risposte al problema: è una metodica che comporta l'assegnazione di un codice di priorità, al fine di permettere una visita medica tempestiva a coloro i quali ne necessitano, favorendo, così, un migliore e più veloce smistamento dei pazienti. Anche se i tempi sono spesso molto lunghi, permette agli utenti che presentano patologie più gravi, di essere visitati in tempi sicuramente più brevi.

La sua applicazione comporta, comunque, una maggiore professionalità da parte degli operatori, sempre più aggiornati, più preparati, non solo dal punto di vista tecnico-scientifico, ma anche da quello relazionale, al fine di fornire una assistenza di alto livello.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione. Con il termine Triage si intendono tutte quelle azioni svolte durante l’accoglienza dei pazienti che accedono al pronto soccorso, e che tendono ad identificare la gravità clinica presunta e, conseguentemente, a stabilire la priorità di intervento; l’accesso, così, alle cure non avviene in base all’ordine di arrivo degli utenti, ma alla gravità delle loro condizioni, facilmente riconoscibile dall’uso di quattro codici colore standard, ormai applicati in tutta Italia, di facile interpretazione. In questi ultimi anni la sensibilizzazione al problema dell’emergenza è notevolmente aumentata, a causa e della crisi della figura del medico di base, e all’aumento della popolazione non comunitaria, ed alla facilità di accesso alle cure del pronto soccorso. Si è sentita, quindi, l’esigenza di emanare riferimenti legislativi in materia, con il tentativo, soprattutto, di omogeneizzare le prestazioni a carattere di emergenza-urgenza. Il triage è, appunto, una delle risposte al problema: è una metodica che comporta l’assegnazione di un codice di priorità, al fine di permettere una visita medica tempestiva a coloro i quali ne necessitano, favorendo, così, un migliore e più veloce

Laurea liv.I

Facoltà: Medicina e Chirurgia

Autore: Filippo Gismondi Contatta »

Composta da 84 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7136 click dal 17/04/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.