Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione del settore vitivinicolo. Il caso Centopassi

Il settore vitivinicolo è uno dei principali a livello globale. In Italia è presente una vasta estensione della superficie vitivinicola ma negli ultimi anni si è registrata una diminuzione del consumo pro-capite, pertanto per aumentare le possibilità di sopravvivenza sia per le piccole-medie imprese che per quelle con dimensioni maggiori occorre rivolgersi sempre più al mercato internazionale, nel quale il brand Italia viene sempre apprezzato.
Il presente lavoro analizza l'attuale congiuntura economica, dapprima a livello internazionale approfondendo i dati dell'OIV inerenti la superficie vitivinicola, la produzione di uva e di vino mondiale e il consumo globale e pro-capite dei vari Paesi, ciò è essenziale per fare delle stime sulle nuove tendenze future. In seguito in base ai dati reperiti presso l'Istituto Nazionale di Economia Agraria, si è approfondito tale settore nel contesto italiano, per delinearne un quadro dei principali Paesi che apprezzato il vino italiano, sia i tradizionali consumatori che i Paesi che solamente negli ultimi anni hanno aumentato il loro consumo. In seguito si è approfondito dapprima il settore agroalimentare a livello regionale, per studiarne l'andamento negli ultimi anni e successivamente il settore vitivinicolo per comprendere la posizione attuale della Sicilia, evidenziandone criticità e opportunità.
Dopo un'analisi delle principali teorie di internazionalizzazione, si procede ad esaminare le aziende di successo che già commercializzano con l'estero, per evidenziarne i punti in comune tra queste.
Infine sarà approfondita la divisione vino di Libera Terra, il cui marchio è Centopassi, in base alle analisi statistiche ed economiche precedenti verranno delineati i possibili Paesi con cui sarebbe più opportuno commercializzare, soprattutto al momento attuale quando ancora non è possibile investire ingenti somme di denaro ne di risorse umane. Si procede a realizzare un'analisi strategica sia dal punto di vista interno che esterno per capire l'attuale posizione di Centopassi sul mercato, essa sarà inoltre oggetto di un'analisi SWOT, per poter migliorare i punti critici e cercare di sfruttare al meglio le opportunità.
In tale contesto alcune soluzione per le imprese italiane sono: aumentare le esportazioni, migliorare l'attività di enoturismo, in tal modo i turisti potranno conoscere in modo diretto la vinificazione e tale esperienza condurrà ad acquistare il vino italiano nei loro paesi di residenza, infine occorre costantemente puntare all'eccellenza delle caratteristiche organolettiche, essenziale per assicurarsi una durata di lungo periodo sul mercato.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Il settore vitivinicolo a seguito della crisi economica mondiale ha subito un calo strutturale principalmente in Europa e in Italia, invece i Paesi dell’Emisfero Sud si trovano in una fase di progressiva espansione. Questa dicotomia provoca notevoli cambiamenti che le imprese italiane devono costantemente tenere sotto controllo se vogliono garantire un futuro di lungo periodo al settore. Ma in che modo le imprese italiane e in particolare siciliane possono restare al passo coi tempi? La soluzione risiede a parere di chi scrive nel connubio tra internazionalizzazione e innovazione. Internazionalizzazione intesa come “quel processo attraverso il quale le imprese non solo dispiegano le loro vendite su più mercati esteri, ma dagli stessi mercati o da altri attingono anche per il loro approvvigionamento di materie prime, di componenti, di tecnologie, di impianti, di attrezzature, di risorse finanziarie, di forza lavoro” (Demattè, 2003) L’innovazione consiste in nuove combinazioni di mezzi di produzione, cioè nell’introduzione di nuovi beni e/o di nuovi metodi di produzione, nella creazione di nuove forme organizzative, nell’apertura di nuovi mercati (Shumpeter, 1967). Lo sviluppo internazionale è sempre più considerato come una via obbligata per fronteggiare la complessità ambientale in cui l’impresa opera, soprattutto quando grazie alla globalizzazione e ai nuovi mezzi di comunicazione la competizione è su un livello mondiale. L’internazionalizzazione deve essere considerata sia nell’orientamento al marketing (internazionalizzazione passiva) ma anche come orientamento al commercio internazionale (internazionalizzazione attiva). 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Scovazzo Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6258 click dal 29/04/2014.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.