Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Metodologie e Tecnologie per la Sottotitolatura

Il presente lavoro è strutturato in tre capitoli, di cui il primo é a carattere teorico, mentre il secondo e il terzo capitolo, inizialmente di natura teorica, affronteranno successivamente discorsi di natura pratica.

All’interno del primo capitolo verrà fornita inizialmente una definizione teorica del concetto di sottotitolatura, presentando anche una panoramica sulla storia e la diffusione della sottotitolazione interlinguistica nel contesto europeo.
Si procederà ad elencare e descrivere i principali sottotitoli, distinguendo in particolar modo la sottotitolazione interlinguistica da quella intralinguistica per non udenti. Infine si affronterà il discorso sulle principali problematiche linguistiche e di traduzione e su quelle tecniche legate alla traduzione interlinguistica nel cinema e nelle serie televisive.

Nel secondo capitolo, invece, la discussione si baserà dapprima sulle fasi e sulle persone coinvolte durante il lavoro di sottotitolatura e, successivamente, sui software maggiormente usati per creare sottotitoli e relativi formati.

Nel terzo capitolo, si proseguirà con l’analisi del processo di sottotitolazione di una puntata di una nota serie televisiva, di cui ho seguito tutte le varie fasi.
La parte iniziale, di natura teorica, si soffermerà sulla descrizione di un software specifico per la sottotitolazione, utilizzato per lavorare sul materiale da sottotitolare. La seconda parte seguirà, invece, tutte le fasi affrontate per creare un prodotto audiovisivo provvisto di sottotitoli.
Al termine dell’analisi, verranno presentate le conclusioni del lavoro svolto.

Mostra/Nascondi contenuto.
37 2 Il processo di sottotitolatura 2.1 Introduzione In questa sede si andrà a discutere dei vari processi coinvolti per la creazione di sottotitoli, dei professionisti del settore della sottotitolazione e, infine, dei software e dei formati con cui è possibile creare i sottotitoli. Per realizzare un prodotto audiovisivo sottotitolato ci sono diverse fasi di realizzazione che vedono coinvolte più persone, ognuna addetta ad un determinato ambito. La realizzazione dei sottotitoli può essere effettuata da un’agenzia di sottotitolazione, che mette a disposizione un team di esperti del settore, insieme ad apparecchiature per la sottotitolazione e la sovraimpressione di sottotitoli. La creazione di sottotitoli tramite agenzia prevede quindi un lavoro di squadra e vede coinvolta ogni singola persona in maniera diretta o indiretta al processo di realizzazione. Ognuno degli stadi di esecuzione prevede, da parte dei soggetti che ne prendono parte, accuratezza e precisione e si spazia dal momento in cui il lavoro viene commissionato, fino al momento in cui i destinatari finali, ovvero gli spettatori, possono usufruire di un prodotto sottotitolato. Di solito è sempre presente un traduttore, che si occupa di trasporre il testo dalla lingua originale a quella in cui si desidera avere i sottotitoli; una figura essenziale è quella del sottotitolatore, che crea i sottotitoli, dividendoli e sincronizzandoli al video e, se non dovesse essere presente un traduttore, il sottotitolatore si occuperà di tradurre la colonna sonora originale prima di dedicarsi all’adattamento ed allo spotting; infine, possono essere presenti dei tecnici, che si dedicano al controllo dell’audiovisivo prima di iniziare il lavoro di sottotitolazione e che imprimono il file dei sottotitoli sulla traccia video. Al giorno d’oggi, Le operazioni di sottotitolazione possono essere eseguite anche da una singola persona, purché abbia dimestichezza con le

Laurea liv.I

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Federica Ientile Contatta »

Composta da 133 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5627 click dal 08/05/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.