Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Dio per noi. Studio sulla cristologia di Dietrich Bonhoeffer

Il pensiero di Dietrich Bonhoeffer letto attraverso la sua cristologia.
Analisi e interpretazione del pensiero del teologo tedesco che ha proposto una rilettura del cristianesimo a partire dalla figura di Gesù Cristo. Una lettura che vuole essere una provocazione al fine di riportare il cristianesimo alla sua vera essenza: Gesù Cristo, il Dio per noi e con noi.

Mostra/Nascondi contenuto.
Ermeneutica cristica 1. Il cristianesimo cristonomico di Dietrich Bonhoeffer L’indagine cristologica, nel pensiero bonhoefferiano, è sicuramente qualcosa in più del semplice studio della figura di Gesù Cristo. Il risultato di questa indagine non è solo la conoscenza filosofica e teologica dell’uomo della croce, ma è la chiave di lettura che Dietrich Bonhoeffer dà del reale. La cristologia non è una parte del pensiero di Bonhoeffer, è il pensiero stesso di Bonhoeffer. La visione che Bonhoeffer ha non solo del cristianesimo, ma anche della realtà in sé è una visione cristonomica. Cristo è dunque il centro di tutto; parlare di Cristo, cristologia appunto, è quindi un parlare della totalità del reale e riuscire ad interpretarne il senso significa cogliere il senso stesso di Dio, dell’uomo e del mondo. L’interpretazione dell’essere di Gesù Cristo può essere considerato il motivo conduttore dell’intero pensiero di Bonhoeffer. È nelle Lettere dal carcere che lo stesso Bonhoeffer pone le basi per un’ermeneutica cristica che ha lo scopo di far emergere il significato del cristianesimo per l’uomo di oggi, per l’uomo adulto. Quando Bonhoeffer scrive: Ciò che mi preoccupa continuamente è la questione di che cosa sia veramente per noi, oggi, il cristianesimo, o anche chi sia Cristo, 1 vuole mettere in discussione non certo il messaggio stesso del cristianesimo, ma il modo con cui tale messaggio va interpretato. In Bonhoeffer, come rileva Italo Mancini, « non è in crisi la kerigmaticità, ma la maniera di interpretarla ». 2 Il problema ermeneutico in questione non è, per Bonhoeffer, un problema speculativo quanto piuttosto esistenziale. Cogliere il senso del cristianesimo per l’uomo di oggi significa obbedire concretamente alla Parola di Dio. Si potrebbe dire che è la vita stessa del cristiano a testimoniare la soluzione 1 Resistenza e resa, cit., p. 348. 2 I. MANCINI, Bonhoeffer, 1995 Editrice Morcelliana, p. 389.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristiano Degiorgis Contatta »

Composta da 209 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5888 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.