Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Musei d'impresa. La memoria nel futuro

Nel nostro Paese sono stati costituiti solo di recente i musei e gli archivi storici d'impresa. Le prime esperienze internazionali risalgono alla fine dell'800, in Italia è solo a partire dagli anni Sessanta che cresce l'attenzione verso il valore culturale del patrimonio storico e documentale delle imprese.
Nel periodo del "miracolo economico" si intuisce che le aziende rivestono un ruolo importante per la memoria collettiva; l'azienda inizia a percepire se stessa non solo come soggetto economico e sociale, capace di esercitare un ruolo nelle scelte politiche del paese, ma anche come soggetto culturale.
Forse per la ricchezza del nostro patrimonio artistico, per lo scarso interesse nelle scienze e industrie e anche per la mancanza di una legge che protegga questo patrimonio, la maggior parte dei musei d'impresa italiani sono stati sviluppati e aperti al pubblico solo dagli anni Ottanta del Novecento.
Se prima si cercavano strategie di tutela, ora si cerca di investire nella valorizzazione e nella promozione del patrimonio aziendale. Con la diffusione delle strategie di marketing agli imprenditori iniziano a percepire il valore del patrimonio storico e documentale in loro possesso, che diventa anche un metodo efficace di comunicazione interna ed esterna all'azienda.
Con gli anni Novanta le voci valorizzazione e conservazione all'interno del bilancio aziendale passano da mero costo a valore aggiunto, per i benefici reali che portano sia a livello di differenziazione dalle altre aziende, sia a livello di riconoscimento locale.
Le imprese non sono unicamente soggetti di mobilitazione delle risorse economiche, ma sono anche protagoniste del cambiamento sociale e urbano, sono un simbolo di modernizzazione culturale e di sviluppo e applicazione della ricerca scientifica. Un museo significa condivisione, la possibilità di rendere partecipe la società e di tramandare il proprio patrimonio culturale. Nei musei d'impresa non si rivive solo la storia aziendale, ma si comunicano anche le prospettive future e i cambiamenti e le sfide che lo sviluppo tecnologico, culturale e sociale quotidianamente propongono.
Guardare al passato, nonostante l'azienda debba lavorare per il presente e il futuro, non è un controsenso, perché in questo modo è possibile ricavare suggerimenti e intuizioni da impiegare in nuovi progetti.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Nel nostro Paese sono stati costituiti solo di recente i musei e gli archivi storici d’impresa. Le prime esperienze internazionali risalgono alla fine dell’800, in Italia è solo a partire dagli anni Sessanta che cresce l’attenzione verso il valore culturale del patrimonio storico e documentale delle imprese. Nel periodo del “miracolo economico” si intuisce che le aziende rivestono un ruolo importante per la memoria collettiva; l’azienda inizia a percepire se stessa non solo come soggetto economico e sociale, capace di esercitare un ruolo nelle scelte politiche del paese, ma anche come soggetto culturale. Forse per la ricchezza del nostro patrimonio artistico, per lo scarso interesse nelle scienze e industrie e anche per la mancanza di una legge che protegga questo patrimonio, la maggior parte dei musei d’impresa italiani sono stati sviluppati e aperti al pubblico solo dagli anni Ottanta del Novecento. Se prima si cercavano strategie di tutela, ora si cerca di investire nella valorizzazione e nella promozione del patrimonio aziendale. Con la diffusione delle strategie di marketing agli imprenditori iniziano a percepire il valore del patrimonio storico e documentale in loro possesso, che diventa anche un metodo efficace di comunicazione interna ed esterna all’azienda. Con gli anni Novanta le voci valorizzazione e conservazione all’interno del bilancio aziendale passano da mero costo a valore aggiunto, per i benefici reali che portano sia a livello di differenziazione dalle altre aziende, sia a livello di riconoscimento locale. Le imprese non sono unicamente soggetti di mobilitazione delle risorse economiche, ma sono anche protagoniste del cambiamento sociale e urbano, sono un simbolo di modernizzazione culturale e di sviluppo e applicazione della ricerca scientifica. Un museo significa condivisione, la possibilità di rendere partecipe la società e di tramandare il proprio patrimonio culturale. Nei musei d’impresa non si rivive solo la storia aziendale, ma si comunicano anche le prospettive future e i cambiamenti e le sfide che lo sviluppo tecnologico, culturale e sociale quotidianamente propongono. Guardare al passato, nonostante l’azienda debba lavorare per il presente e il futuro, non è un controsenso, perché in questo modo è possibile ricavare suggerimenti e intuizioni da impiegare in nuovi progetti.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Debora De Marchi Contatta »

Composta da 90 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3384 click dal 21/05/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.