Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Don Lorenzo Milani. Edificare con la parola.

Questa tesi su don Lorenzo Milani propone alcune riflessioni sulle matrici del suo pensiero. In particolare, prende in esame i temi pedagogici della comunicazione e del linguaggio in ambito formativo. Tuttavia, non rinuncia a considerare il problema del rapporto tra la libertà e la responsabilità: non c’è, per Milani, azione morale che non sia libera e da cui non derivi una responsabilità, intesa, secondo il significato etimologico e primario del termine, risposta a una domanda, e quindi utilizzo della lingua e della parola.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Lo scenario della realtà attuale vede il primato del potere dell’economia globale su quello della politica e della cultura, le logiche di mercato dettano e prescrivono leggi che trascinano l’umanità intera a vivere finte esistenze. Il denaro, unico vero Dio in terra, mercifica e monetizza tutto, a partire dalle relazioni affettive, ai sentimenti, alle emozioni, siamo tutti disciplinati dai codici a barre del mercato economico. Appare allora imperativa la necessità di perfezionare, di riflettere e di riproporre ancora questioni come il dialogo, la pace, la nonviolenza e l’educazione dei giovani. In tale ottica il pensiero pedagogico, religioso e politico di don Lorenzo Milani risulta non soltanto attuale ma necessario e indispensabile. Questa tesi su don Lorenzo Milani propone alcune riflessioni sulle matrici del suo pensiero. In particolare, prende in esame i temi pedagogici della comunicazione e del linguaggio in ambito formativo. Tuttavia, non rinuncia a considerare il problema del rapporto tra la libertà e la responsabilità: non c’è, per Milani, azione morale che non sia libera e da cui non derivi una responsabilità, intesa, secondo il significato etimologico e primario del termine, risposta a una domanda, e quindi utilizzo della lingua e della parola. Al fine di delucidare la genesi di queste matrici e della connessa riflessione educativa e linguistica, il punto di partenza obbligato sarà costituito da una sommaria ricostruzione dell’ambiente intellettuale alto-borghese, in cui è nato e cresciuto e al quale appartiene la sua stessa famiglia. Un criterio interpretativo di questo lavoro prende spunto dal consiglio di Ernesto Balducci:

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze dell'Educazione

Autore: Lidia Martucciello Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3428 click dal 29/05/2014.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.