''Quel sottile filo rosso'' tra satanismo e criminalità

Parlare di satanismo è tutt'altro che facile. Si tratta di un argomento che, come tutto ciò che appare occulto e celato agli occhi dei più, attrae e affascina, ma che allo stesso tempo spaventa. Spaventa perché il satanismo non è frutto della fantasia o qualcosa di riconducibile all'immaginazione, non è confinato nel lontano passato (Medioevo e Rinascimento), non è un'invenzione della Chiesa (come qualcuno ha sostenuto) ma è un fenomeno che esiste realmente ed in molteplici e spesso sconosciute manifestazioni.
Ho scelto di trattare questo argomento perché sono sempre molto interessata ai fenomeni di tipo associativo e a come si sviluppano, all'interno di un gruppo (in questo caso “setta”) le dinamiche relazionali che sfociano poi in attività di rilevanza sociale e giuridica (mi riferisco al compimento di reati).
In questo lavoro l'Autore si propone di definire preliminarmente il concetto stesso di “satanismo” e di “setta satanica”, per poi analizzare le caratteristiche delle sette, le finalità che esse perseguono e il modo che esse hanno di reclutare gli adepti. Effettueremo poi un excursus storico per scoprire le origini del fenomeno e come esso si è sviluppato fino ai nostri giorni. Analizzeremo le principali associazioni sataniche esistite e tuttora esistenti in Italia e nel mondo, seguendo le classificazioni che gli studiosi hanno proposto sia dal punto di vista sociologico che dottrinale, e analizzando le varie tipologie di satanisti e le loro caratteristiche. Ci soffermeremo in particolar modo sul tristemente famoso caso delle Bestie di Satana, che è stato definito uno dei casi più eclatanti di “satanismo acido" di tutti i tempi.
Nel secondo capitolo si osserverà il fenomeno dal punto di vista giuridico, ossia si cercherà di capire se e in quale misura il satanismo abbia una rilevanza penale e come si coniugano le libertà, costituzionalmente garantite, di professare la propria fede religiosa, di associarsi e di riunirsi con il fenomeno di cui ci occupiamo.
Proseguiremo, poi, descrivendo brevemente i reati che possono essere commessi dai satanisti, soffermandoci, in particolare, sui reati sessuali commessi soprattutto ai danni di donne e bambini e sugli omicidi rituali.
Nell'ultima parte del secondo capitolo tratteremo un caso reale che, per ferocia e crudeltà, sconvolse l'opinione pubblica italiana nei primi anni del nuovo millennio: l'omicidio di suor Maria Laura Mainetti avvenuto a Chiavenna (Sondrio) nel giugno 2000.
Infine, nel terzo ed ultimo capitolo, vedremo quali sono i collegamenti tra il satanismo e il mondo giovanile, come e perché i giovani si affacciano a questa realtà oscura e pericolosa, quali sono i fattori che influenzano negativamente la vita adolescenziale portando un giovane ad aderire a sette sataniche e come il minore risponde agli stimoli negativi provenienti dal fenomeno satanico.

Mostra/Nascondi contenuto.
Corso di Formazione in Criminologia e Analisi della Devianza Pagina 1 Introduzione Parlare di satanismo è tutt’altro che facile. Si tratta di un argomento che, come tutto ciò che appare occulto e celato agli occhi dei più, attrae e affascina, ma che allo stesso tempo spaventa. Spaventa perché il satanismo non è frutto della fantasia o qualcosa di riconducibile all’immaginazione, non è confinato nel lontano passato (Medioevo e Rinascimento), non è un’invenzione della Chiesa (come qualcuno ha sostenuto) ma è un fenomeno che esiste realmente ed in molteplici e spesso sconosciute manifestazioni. Ho scelto di trattare questo argomento perché sono sempre molto interessata ai fenomeni di tipo associativo e a come si sviluppano, all’interno di un gruppo (in questo caso “setta”) le dinamiche relazionali che sfociano poi in attività di rilevanza sociale e giuridica (mi riferisco al compimento di reati). In questo lavoro l’Autore si propone di definire preliminarmente il concetto stesso di “satanismo” e di “setta satanica”, per poi analizzare le caratteristiche delle sette, le finalità che esse perseguono e il modo che esse hanno di reclutare gli adepti. Effettueremo poi un excursus storico per scoprire le origini del fenomeno e come esso si è sviluppato fino ai nostri giorni. Analizzeremo le principali associazioni sataniche esistite e tutt’ora esistenti in Italia e nel mondo, seguendo le classificazioni che gli studiosi hanno proposto sia dal punto di vista sociologico che dottrinale, e analizzando le varie tipologie di satanisti e le loro caratteristiche. Ci soffermeremo in particolar modo sul tristemente famoso caso delle Bestie di Satana, che è stato definito uno dei casi più eclatanti di “satanismo acido" di tutti i tempi. Nel secondo capitolo si osserverà il fenomeno dal punto di vista giuridico , ossia si cercherà di capire se e in quale misura il satanismo abbia una rilevanza penale e come si coniugano le libertà, costituzionalmente garantite, di professare la propria fede religiosa, di associarsi e di riunirsi con il fenomeno di cui ci occupiamo.

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Gloria Di Mauro Contatta »

Composta da 68 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 877 click dal 11/06/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.