Skip to content

Talidomide: un esempio di drug repurposing

Informazioni tesi

  Autore: Eleonora Giorgino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Farmacia
  Corso: Farmacia
  Relatore: Paolo Puccetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

Negli ultimi vent'anni, dopo che si è riacceso l'interesse per la talidomide, la ricerca scientifica si è occupata, e tuttora continua ad occuparsene, di scoprire nuove potenzialità terapeutiche del farmaco e di analizzarne i relativi meccanismi d'azione. Lavori svolti in laboratori sparsi in tutto il mondo hanno illustrato, in numerose pubblicazioni scientifiche, l'efficacia del farmaco in svariate patologie gravi, a partire dall'Eritema Nodoso Lepromatoso (ENL) ed altre patologie di tipo dermatologico, fino ad arrivare al Mieloma Multiplo. In questo studio, noi illustreremo i meccanismi tramite i quali la talidomide svolge la sua azione benefica in queste malattie. Tuttavia, conoscendo la storia della talidomide e la tragedia che essa ha provocato in passato, andremo anche ad analizzare i meccanismi alla base del suo più grave effetto collaterale, la teratogenicità. Dopodiché andremo a valutare quale sia il modo migliore per assumere il farmaco senza rischi. Dapprima analizzeremo, però, la sua farmacocinetica, soffermandoci sui fattori che potrebbero interferire con il suo assorbimento, e valuteremo se esistono delle tecniche per migliorare l'assorbimento stesso della nostra sostanza. Indagheremo sui meccanismi di assorbimento del farmaco, verificando se questo avviene per trasporto passivo o attivo. Andremo a verificare se, una volta somministrato il farmaco, esso ha un'emivita tale da mantenere una concentrazione ematica adeguata nel tempo. Infine, analizzeremo gli eventuali effetti collaterali che il farmaco potrebbe avere, anche in seguito alla concomitante assunzione di altri farmaci.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Storia della talidomide La talidomide è un farmaco sedativo, che fu sintetizzato per la prima volta dai chimici Kunz, Keller e Muckter, che ne descrissero le principali proprietà farmacologiche. Il farmaco si presenta come una polvere bianca cristallina e insapore, con un punto di fusione di 271°C. Kunz, Keller e Muckter, attraverso i loro studi effettuati sui topi, giunsero alla conclusione che era un farmaco privo di effetti tossici, se somministrato per via orale a dosi massicce. Essi attribuirono questa mancanza di tossicità all’assorbimento limitato, che caratterizzava la sostanza. I loro studi dimostrarono che la talidomide aveva un effetto tranquillante sul Sistema Nervoso Centrale e che essa riduceva l’attività volontaria negli animali da laboratorio e induceva il sonno. A differenza dei barbiturici, questa sostanza non provocava nei topi eccitazione iniziale, incoordinazione o narcosi. Inoltre, il farmaco potenziava l’effetto di altre sostanze ad azione depressiva sul sistema nervoso centrale, in particolare dei barbiturici. Non aveva effetti collaterali riguardanti il cuore, la respirazione o il Sistema Nervoso Autonomo 1 . Sulla base di questi studi, il farmaco fu ritenuto uno dei migliori sedativi scoperti fino ad allora. Nel 1956 la talidomide fu introdotta dalla ChemieGrunenthal, un’azienda farmaceutica della Germania Occidentale, e fu commercializzata con il nome di Contergan. La Grunenthal aveva ottenuto un brevetto per questo farmaco nel 1954. Il Contergan fu disponibile nelle farmacie dal 1957 in poi. Dal 1958 invase il mercato mondiale, ed i suoi usi si estesero dalla semplice cura contro l’insonnia. Infatti, questo farmaco veniva spesso utilizzato dalle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

farmacocinetica
talidomide
stomatite aftosa
eritema nodoso lepromatoso
sindrome di behçet
pioderma gangrenoso
lichen planus
prurigo nodularis
sarcoidosi
pemfigoide cicatriziale
mieloma multiplo

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi