Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Anticorpi anti HLA nel trapianto renale. Approccio sistemico al loro studio mediante valutazione - incidenza de novo e della loro fine specificità in pazienti pediatrici non immunizzati riceventi un primo trapianto renale - trascrizione di geni immunologicamente rilevanti in pazienti iperimmunizzati in attesa di trapianto renale

I meccanismi cellulari che sono alla base della produzione di anticorpi polispecifici anti-HLA, nei pazienti immunizzati, non sono ancora completamente compresi. Molte sono le ipotesi, sia che la produzione di anticorpi potrebbe essere dovuta all’espansione di cloni di linfociti T che si avvalgono degli anticorpi anti-HLA prodotti dai linfociti B, sia da una mancanza di cellule T regolatorie. L’approccio intrapreso è stata la valutazione dell’espressione di un certo numero di citochine e geni responsabili della sintesi di recettori, glicoproteine di membrana, ligandi solubili e proteine citoplasmatiche coinvolte nella trasduzione dei segnali, di attivazione o segnali apoptotici, coinvolti nella produzione di anticorpi, mediante l’utilizzo di tecniche di biologia molecolare. Le citochine ed altri geni coinvolti sono da considerare i segnali che vengono espressi dalle cellule in risposta a diversi stimoli dato che sono responsabili dell’attivazione, proliferazione e differenziazione delle cellule del sistema immunitario, una loro osservazione nei pazienti immunizzati rispetto a pazienti di controllo, può orientare in futuro alla ricerca di tali anticorpi nella fase pre-trapianto sia nei pazienti pediatrici che adulti.
I pazienti pediatrici possono mostrare una più vivace reattività immunitaria: l'analisi post-trapianto longitudinale della comparsa degli anticorpi HLA e il suo rapporto con i risultati clinici e patologici è di particolare interesse, in vista del rischio del fallimento del trapianto. Abbiamo valutato nel post trapianto, 82 pazienti pediatrici consecutivi, per primo trapianto di rene, non sensibilizzati; abbiamo analizzato l’incidenza e la specificità degli anticorpi de novo HLA, con lo scopo di individuare una possibile gerarchia immunologica HLA-alloanticorpale.

Mostra/Nascondi contenuto.
- 2 - Dottorato XXVI ciclo “Anticorpi anti HLA nel trapianto renale” Approccio sistemico al loro studio mediante valutazione: - incidenza de novo e della loro fine specificità in pazienti pediatrici non immunizzati riceventi un primo trapianto renale - trascrizione di geni immunologicamente rilevanti in pazienti iperimmunizzati in attesa di trapianto renale Dottorando Tutor Dr.ssa Roberta Biticchi Chia.mo Prof. Giacomo Garibotto Chia.mo Prof. M.Frascio

Tesi di Dottorato

Dipartimento: Scienze e Tecnologie Biomediche

Autore: Roberta Biticchi Contatta »

Composta da 89 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 715 click dal 06/06/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.