Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ruolo controverso dell'EDTA sull'attività gelatinolitica delle MMP-2 e MMP-9

Diversi studi dimostrano il coinvolgimento delle MMPs, ed in particolar modo delle gelatinasi A e B, in diversi processi fisiologici e patologici così da essere proposte come importanti biomarkers (ad esempio nel rimodellamento fisiologico, apoptosi etc), nelle malattie autoimmuni, nell'iniziazione ed evoluzione neoplastica, e nelle patologie ischemiche.
Attualmente, i risultati ottenuti sul profilo delle MMP-2 e -9 in base alle diverse condizioni pre-analitiche di campionamento ematico sono discordanti; questi dati fanno presupporre un ruolo chiave della scelta degli anticoagulanti per l'evidenziazione dell'attività e del profilo delle forme di MMP circolanti nel sangue.
È su queste basi scientifiche che con il presente studio abbiamo voluto analizzare il ruolo controverso dell'EDTA nella modulazione della secrezione ed attività delle MMP circolanti nel sangue.
L'EDTA è un agente chelante utilizzato sia in medicina che in chimica analitica; in particolare, è ampiamente utilizzato come anticoagulante ma con specifiche limitazioni.
Nei confronti dei profili gelatinolitici, l'anticoagulante EDTA sembra mostrare un comportamento duplice: da una parte, è capace di aumentare quantitativamente il ratio di gelatinasi nel plasma, rispetto al siero e a plasma ottenuti con altri anticoagulanti (eparina, citrato) ma dall'altra, inibisce l'attivazione gelatinolitica, se aggiunto dopo il processo di coagulazione.
Lo scopo quindi della nostra ricerca è stato quello di verificare anche qualitativamente l'effetto dell'EDTA sulle diverse forme di MMP-2 e -9, in modo tale da capire se il meccanismo di interazione sia puramente dettato dalla qualità chelante dell'EDTA oppure esista un particolare meccanismo di riarrangiamento molecolare, sulle forme monomeriche o sulle forme complessate.
Per questo motivo sono state fatte delle prove valutando gli effetti dose-tempo dipendenti dell'EDTA su tutte le forme delle gelatinasi.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Capitolo 1 Metalloproteasi di matrice 1.1 Struttura e classificazione Le MMPs rappresentano una famiglia di proteasi, secrete o legate alla membrana cellulare, che condividono struttura comune ed elementi funzionali 1 . Esse richiedono la coordinazione con uno ione zinco nel sito attivo catalitico, funzionano a pH neutro e per la loro attivazione necessitano di ioni calcio (da cui il nome di metalloproteasi) 2 . Infatti, sono sintetizzate sotto forma di zimogeni, richiedendo in tal modo l’attivazione proteolitica, sia in maniera extra-cellulare sia intra-cellulare. Quindi, la conversione alla forma attiva necessita dell’intervento di altri enzimi proteolitici, compreso quello di altre MMPs 3 . La maggior parte dei membri della famiglia delle MMPs sono organizzati in tre domini basici altamente conservati: 1) un propeptide amino terminale, preceduto da un peptide segnale di 17-29 aminoacidi che dirige l’enzima nel reticolo endoplasmatico; 2) un dominio catalitico e 3) un dominio emopexina-simile (hemopexin-like) al terminale carbossilico, unito al catalitico attraverso un peptide linker (hinge region = regione cerniera) di lunghezza variabile 4 . Il propeptide, costituito da 77 a 87 aminoacidi, determina la latenza della forma pro-enzimatica. Ciò è dovuto alla presenza di una sequenza altamente conservata (PRCGV/NPD) nella quale un residuo di cisteina interagisce con l’atomo di zinco presente nel dominio catalitico adiacente. Il propeptide consiste di tre α-eliche unite da loops di connessione; il primo taglio proteolitico per l’attivazione dell’enzima avviene all’interno di una loop di lunghezza variabile detta “bait region” che si trova tra la prima e la seconda elica. La rimozione del propeptide attraverso la proteolisi porta all’attivazione della forma zimogena 5 . Il dominio catalitico consiste di circa 170 aminoacidi, ripiegati a formare cinque foglietti-β, tre α- eliche e un loop di connessione. Il dominio catalitico contiene due ioni zinco e almeno uno ione

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Laura Galli Contatta »

Composta da 67 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 265 click dal 06/06/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Per approfondire questo argomento, consulta le Tesi:
×