Skip to content

Le sfide della globalizzazione e l'impatto sulle relazioni sindacali ed industriali in Italia: dalla contrattazione aziendale in deroga, al contratto nazionale di settore. Il caso atipico della Fiat Auto

Informazioni tesi

  Autore: Roberta De Cesare
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2010-11
  Università: Link Campus University - L'Università internazionale a Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Giuseppe Sigillò Massara
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 40

L'analisi parte dalle sfide competitive indotte dalla globalizzazione dei mercati, dalle perturbazioni causate sugli scambi commerciali dalla crisi economica e finanziaria in atto, per analizzare l'aumento della pressione concorrenziale nel settore automotive e le strategie di rilancio che la Fiat Group ha posto in essere in tale contesto. Tassello fondamentale di queste strategie di rilancio, per quanto riguarda l'Italia, è costituito dalla rinegoziazione di accordi aziendali non più adeguati al contesto competitivo, che il Gruppo Fiat sta definendo.Partendo da non remoti orientamenti giurisprudenziali che confermano la legittimità degli accordi aziendali in deroga (peggiorativa) alle norme del C.c.n.l. di categoria, l'analisi si concentra sulle innovazioni che la contrattazione collettiva nazionale, confederale e di categoria, ha recentemente introdotto, superando tradizionali assetti negoziali, immutati da decenni, centrati sul principio della "subordinazione" della contrattazione aziendale alle norme contrattuali di livello superiore (divieti di rinegoziazione, a livello aziendale, delle norme già definite a livello nazionale (ne bis in idem) e sostanziale "confinamento" della contrattazione aziendale alle tematiche dell'organizzazione del lavoro e della definizione dei premi salariali "di risultato"). Partendo da un "precedente" innovativo, costituito dal C.c.n.l. 29 giugno 2007 per il settore Chimico-Farmaceutico, che introduce la possibilità di addivenire, seppur in via transitoria, ad accordi aziendali in deroga alle norme di livello superiore, vengono così analizzati, gli sviluppi ulteriori definiti dall'accordo "quadro" 22 gennaio 2009 - stipulato per la riforma degli assetti contrattuali a livello governativo e confederale, che la Cgil non ha inteso sottoscrivere - e dall'accordo interconfederale (anch'esso "separato") del 15 aprile 2009, che del primo è attuazione. Si analizza, alla luce di tutto ciò, l'accordo ("separato") 15 giugno 2010 stipulato dalla Fiat per lo stabilimento di Pomigliano d'Arco, ponendo in risalto le deroghe ivi introdotte alle norme nazionali di categoria e le implicazioni di tale "strappo" negoziale sul piano della legittimità di questo accordo e sul piano delle relazioni industriali, messe in crisi dalla successiva decisione della Fiat Group di non far aderire la costituenda newco (che gestirà gli impianti) al sistema confindustriale. Il procedere degli avvenimenti è tumultuoso: la Federmeccanica, per evitare l'insorgere di un minacciato contenzioso da parte della Cgil, firmataria del C.c.n.l metalmeccanici 20 gennaio 2008 (che tali deroghe aziendali ancora non consentiva) decide di rescindere tale C.c.n.l. e, in data 29 settembre 2010, perviene alla sottoscrizione di un accordo "separato", che introduce appunto la possibilità di stipulare accordi aziendali in deroga al C.c.n.l.. Ma, ciò nonostante, la Fiat decide di non avvalersi di tale normativa nazionale e il 23 dicembre 2010 raggiunge un ulteriore accordo aziendale (anch'esso separato") per lo stabilimxento di Mirafiori. In parallelo, si assiste ad un cambiamento di fronte, da parte della Confindustria e della Federmeccanica: si propone alle OSL nazionali dei metalmeccanici di definire un C.c.n.l. specifico per il settore auto, con l'evidente intento di recuperare il rapporto associativo con il Gruppo Fiat.
Nel frattempo, gli accordi di Pomigliano e di Mirafiori, in un acceso clima di dissenso, sono stati approvati con referendum dai lavoratori, e la Fiat, forte di tale risultato, il 29 dicembre 2010 raggiunge per lo stabilimento di Pomigliano d'Arco un secondo accordo (attuativo del primo). Ma gli scenari nazionali subiscono ulteriori evoluzioni: sotto la pressione della Cgil, non firmataria di tutte queste intese nazionali ed aziendali, il problema si sposta dalla tematica della derogabilità a quella della rappresentanza, tematica che viene esaminata sotto il profilo delle proposte di riforma legislativa e contrattuale in essere. Ma i cambiamenti di fronte non si esauriscono: Confindustra e Federmeccanica, sulla scorta dei "precedenti" già in atto in Germania sin dal 2005, propongono alle controparti di definire l'alternatività del contratto aziendale a quello nazionale, per consentire alle aziende, che intendano darsi assetti normativi più adeguati alle proprie specifiche esigenze produttive e competitive e che si trovino "strette" nella applicazione di un C.c.n.l. di categoria, valido per qualsivoglia tipologia dimensionale di azienda, di optare liberamente per la non applicazione della contrattazione nazionale di categoria a favore di un contratto aziendale del tutto alternativo (ovviamente, anche derogatorio). Gli scenari sono attualmente in piena ed appassionante evoluzione e non è dato, allo stato attuale, individuarne con certezza gli sbocchi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 2 - Relazione Finale Le sfide della globalizzazione e l’impatto sulle relazioni sindacali ed industriali in Italia: dalla contrattazione aziendale in deroga, al contratto nazionale di settore? Il caso atipico della Fiat Auto. INTRODUZIONE Non è pensabile cogliere appieno gli attuali sviluppi delle relazioni industriali e sindacali in Italia ed i riassetti in atto nella contrattazione collettiva confederale, di categoria ed aziendale senza considerare, globalmente, gli scenari competitivi e di mercato che fanno da sfondo ineludibile al cambiamento. Si ritiene, infatti, che la pressione competitiva del mercato, sempre piø intensa e globale, influenzi e soprattutto determini le scelte degli attori della contrattazione in Italia, orientandole ad individuare soluzioni tese a potenziare la capacità concorrenziale delle imprese. Si intende cioè dire che le travagliate soluzioni negoziali e giuridiche, che si stanno delineando in tutta la loro portata innovativa nella contrattazione collettiva italiana, con particolare riferimento al settore metalmeccanico ed al suo sottosettore dell’auto, non possono essere lette e comprese trascurando l’analisi delle dinamiche del mercato globale che le determinano e le impongono. Queste scelte contrattuali, come potremo approfondire, sono ancora in fieri, ma comunque appaiono di grande rilevanza in un’ottica di cambiamento e sono comunque tali da travolgere i tradizionali assetti della contrattazione collettiva, centrata sulla coesistenza di tre livelli (confederale, categoriale ed aziendale). Si sta facendo strada quindi, con forza ineluttabile, la necessità di cogliere e valorizzare le specificità aziendali o di sottosettore contrattuale, non piø regolamentabili in misura indifferenziata ad opera del Contratto collettivo nazionale di lavoro della categoria. Dopo una breve analisi introduttiva degli scenari economici e di mercato che stanno determinando il cambiamento degli assetti contrattuali, si procederà, nel dettaglio, ad esaminare - con specifico riferimento alla contrattazione confederale, a quella categoriale metalmeccanica ed a quella aziendale del Gruppo Fiat in Italia - l’evoluzione cronologica e contenutistica del quadro normativo che, fra inevitabili difficoltà e contrasti fra le parti negoziali, si sta comunque progressivamente delineando.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fiat
contrattazione collettiva
fabbrica italia
settore automotive

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi