Skip to content

Invecchiare e raccontarsi

Informazioni tesi

  Autore: Peppina Concas
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Claudia Secci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Ci sono molti modi per poter tradurre in racconto la propria vita. Nel presente lavoro ci occuperemo in particolare della fiaba autobiografica, che potremmo definire, utilizzando una felice espressione di Maria Varano, "una traduzione metaforica della propria autobiografia", una delle tante possibili, come vedremo. Ciò che rende la fiaba particolarmente adatta a conferire alla narrazione autobiografica il suo potere catartico consiste nel fatto che nella fiaba autobiografica si ha la possibilità di raccontarsi e descriversi in modo fantastico. Avremmo modo di approfondire l'argomento, in questa sede ci limitiamo ad osservare che, nel momento che ci traduciamo in personaggi di una fiaba, ci diamo l'opportunità di riflettere su noi stessi attraverso immagini/specchio e di operare in questo modo quel "decentramento" emotivo che facilita il distacco necessario per riflettere sull'accaduto e sul vissuto in modo costruttivo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
i Introduzione Potremmo mettere in discussione il concetto di terza età semplicemente facendo notare che mentre alcune società hanno codificato il ciclo della vita umana definendo e attribuendo un nome alle successive età, trasformando cioè un lasso di tempo continuo in periodi discontinui, la maggior parte delle società primitive non ha invece codificato in modo altrettanto minuzioso le tappe della vita umana. Qualcuno potrebbe farci notare, a ragione, che in molte di queste società l’ingresso nell’età adulta è considerato molto importante ed è segnato da importanti rituali ( riti d’iniziazione ), ma dovrà poi ammettere che in queste stesse società è molto raro che vi siano cerimonie per segnare il passaggio alla vecchiaia. Qualcun altro ci potrebbe far notare, facendo riferimento alle stesse società, che si è spesso osservato che le donne anziane accedono a funzioni di istruzione e di direzione proprie dei gruppi femminili, mentre gli uomini anziani vengono considerati gli individui socialmente più autorevoli all’interno della comunità. A questo punto dovremmo ammettere che anche in queste società c’è un cambiamento di status legato all’età, ma dovremmo mettere in guardia i nostri interlocutori sul fatto che le cose non sono così semplici e ben definite come si sarebbe portati a pensare. Se c’è una cosa che veramente accomuna le descrizioni della vecchiaia e della condizione di anziani in tutte le società, in qualunque periodo storico, in qualunque parte del mondo, è un’ innegabile ambivalenza. I primi etnologi, fedeli allo schema evoluzionista, consideravano tale ambivalenza diacronica e non sincronica. In un primo periodo della storia dell’umanità i vecchi sarebbero stati considerati inutili e di peso per il gruppo sociale. In seguito si sarebbe presa in considerazione la loro saggezza, acquisita con l’esperienza, e si sarebbe testimoniato loro onore e rispetto. In realtà i due atteggiamenti coesistono nella maggior parte delle società e nella sorte riservata ai vecchi intervengono molti fattori. In generale, in tutte le società è stato osservato pressoché invariabilmente che ciò che conta non è tanto l’età di un individuo, quanto il grado della sua debolezza fisica e il suo bisogno di aiuto. I primi osservatori della società irochese, tanto per fare un esempio, riferiscono che gli uomini e le donne cui la vecchiaia impediva di camminare venivano uccisi nell’assoluta convinzione di rendere loro un favore, anche se poi in questa stessa società la vecchiaia veniva rispettata al punto che le parole degli anziani della comunità venivano considerate oracoli dai più giovani 1 Del resto, l’ambivalenza è vissuta anche a livello personale. Il fatto più sorprendente della vecchiaia, intesa come processo di invecchiamento, è che arriva in modo silenzioso, a differenza della pubertà, che si manifesta in modo evidente, e quindi il suo esordio varia da individuo a individuo. Tuttavia, il suo esordio è inevitabile e prima o 1 “Vecchiaia”, Enciclopedia Einaudi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

vecchiaia
fiaba autobiografica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi