Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Competere e controllare nelle grandi democrazie europee. Analisi comparata sulla qualità della democrazia in Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania ed Italia.

Questo lavoro di tesi si inserisce nell'ambito degli studi sulla qualità della democrazia. Il riferimento teorico principale è, infatti, il modello sul rendimento democratico elaborato da Leonardo Morlino e Larry Diamond.
L'obiettivo della ricerca è valutare il funzionamento e lo status attuale delle grandi democrazie europee, ovvero di Gran Bretagna, Francia, Spagna, Germania ed Italia. Viene effettuata una comparazione tra i suddetti paesi a partire dal 1989 al 2013, ovvero immediatamente dopo la caduta del Muro di Berlino. Sono prese in considerazione due dimensioni procedurali, necessarie per valutare la qualità di una democrazia: l'accountability elettorale e la competizione politica.
L'analisi di questi due pilastri dei sistemi politici democratici consente di effettuare una serie di riflessioni sul funzionamento degli assetti istituzionali (sistemi elettorali e forme di governo) dei suddetti paesi e di entrare nel merito in relazione a questioni molto dibattute come l'astensionismo d'opinione e la volatilità elettorale.
Il concetto di accountability elettorale rimanda, inoltre, a stretto giro al tema del controllo dei governanti e agli strumenti in possesso degli elettori per punire i politici irresponsabili. La ricerca utilizza alcuni indicatori di natura prettamente quantitativa per verificare le modalità di sanzione dei governanti e quali effetti esse hanno sui sistemi di partito, sul ricambio delle elite e sull'alternanza di governo.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Tutti gli uomini l’hanno aiutata con i loro sforzi: quelli che volevano concorrere ai suoi successi e quelli che non pensavano affatto a servirla, quelli che hanno combattuto per essa ed anche quelli che si sono dichiarati suoi nemici; tutti sono stati spinti alla rinfusa nella stessa via, strumenti ciechi nelle mani di Dio. Lo sviluppo graduale dell’uguaglianza delle condizioni è dunque un fatto provvidenziale…Sarebbe saggio credere che un movimento sociale che viene da così lontano possa essere interrotto dagli sforzi di una generazione? È ammissibile pensare che, dopo aver distrutto la feudalità e vinto i re, la democrazia indietreggerà di fronte ai borghesi ed ai ricchi? A. De Tocqueville, La democrazia in America, 1968, p.18-19 Studiare la democrazia significa confrontarsi con il passato ed avere un approccio critico verso il presente. La scelta effettuata in questo elaborato va proprio in tale direzione: cercare di valutare il rendimento attuale della forma di governo democratica, senza trascurare il lascito passato e le prospettive future. Il dibattito pubblico italiano ed europeo affronta quotidianamente tematiche legate alla democrazia. Negli ultimi anni sono diventati sempre più frequenti i contributi sull’argomento, per via di un clima generale di sfiducia e di disaffezione verso la politica che ha spinto l’opinione pubblica a porsi degli interrogativi. Hanno particolare rilievo le discussioni sulla crisi di

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giuseppe Critelli Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 308 click dal 12/06/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.