Skip to content

La coda lunga e l'industria musicale nell'epoca del web 2.0

Informazioni tesi

  Autore: Giacomo Corcelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2012-13
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Lingue e Culture Straniere
  Relatore: Fabio Forlani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 38

La lunga coda è una teoria sviluppata da Chris Anderson attraverso uno studio di due anni caratterizzato dall’analisi di dati provenienti da aziende come Amazon, Netflix, Rhapsody e da uno scambio positivo di opinioni e commenti sul blog “Wired”. Fin dall’inizio della sua ricerca, il suo obiettivo era verificare se, con la riduzione dei costi di produzione e distribuzione e le nuove dinamiche di mercato determinate dall’entrata in scena di Internet, i meccanismi dell’economia fossero ancora legati allo strapotere dei prodotti hits. Dall’analisi dei dati a disposizione risultò che non solo nel mercato digitale gli hits non avevano più il potere di una volta, ma che i prodotti di nicchia stavano emergendo come i nuovi protagonisti. La curva di domanda realizzata con i dati di Rhapsody si presentava come quella che in statistica viene definita una coda lunga, contraddicendo quanto definito da Pareto con la legge dell’80/20. Un mercato a coda lunga però può esistere solo in presenza di una particolare causa economica: la riduzione dei costi sostenuti dal consumatore per raggiungere le nicchie, per spiegare la quale, Anderson ha sviluppato la teoria delle tre forze. La prima è quella della democratizzazione degli strumenti produttivi che ci ha reso tutti produttori e ha allungato la coda; la seconda è il taglio dei prezzi al consumo grazie alla democratizzazione della distribuzione e dovuta in particolare alla diffusione di Internet e degli aggregatori, che ha portato all’ingrandimento della curva; l’ultima è il collegamento tra offerta e domanda che attraverso i filtri, ha orientato i consumatori giù per la coda. In questa analisi ci si è concentrati in particolare sull’applicazione della lunga coda all’industria musicale. Nel caso del mercato discografico infatti, la prima forza ha permesso a tutti di diventare dei produttori di musica e di incrementare la produzione discografica annuale, la seconda ha favorito una distribuzione globale ed economica dei brani e la terza ha infine reso possibile guidare il consumatore all’interno delle nicchie e degli archivi musicali, per trovare ciò di più adatto ai suoi gusti personali. Tutto questo è stato possibile grazie al web e alle innovazioni tecnologiche che hanno portato il mercato digitale, con il suo trend di crescita, a trainare l’intero settore verso la ripresa. Le infinite possibilità di scelta e scoperta di brani musicali e i bassi costi, hanno fatto sì che i negozi di download, i servizi in abbonamento e i video musicali, siano diventati i protagonisti dell’odierno mercato musicale. Proprio tra questi è stato scelto come oggetto di studio Spotify, uno dei principali servizi in abbonamento sviluppato a livello globale. Tra i dati forniti dall’azienda nel suo report, sono stati utilizzati quelli degli ascolti delle canzoni uscite nel 2013 della relativa top 100 e si è poi tracciato un grafico, sapendo che la linea incontrava l’asse orizzontale attorno ai cinque milioni e mezzo. La curva risultante è molto simile a quella ottenuta da Anderson anche se sono presenti alcune differenze. Si registra infatti una maggiore ripidità nelle prime posizioni, generata da un notevole divario tra quelle hits che possono godere di una promozione a livello globale e gli altri brani. In questo caso inoltre, nonostante la coda sia in costante allungamento con l’aggiunta di ventimila brani ogni giorno, non è infinita. I prodotti di nicchia quindi stanno effettivamente ricevendo maggiori attenzioni da parte dei consumatori e aumentando le proprie quote di mercato, ma questo non sembra essere determinato dalla perdita di potere degli hits come previsto da Anderson, ma dalle possibilità di fruizione generate dal web e dalle innovazioni tecnologiche ad esso affiancate.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Lo scopo di questa tesi sperimentale è di descrivere la teoria della coda lunga elaborata dal giornalista e saggista Chris Anderson nelle sue componenti principali e di studiarne l’applicazione all’odierno panorama musicale globale, in continua evoluzione dall’avvento del web 2.0. La prima sezione sarà esclusivamente dedicata alla presentazione della teoria, dalle dinamiche della sua formulazione alla definizione delle sue caratteristiche principali. Verranno trattate approfonditamente in particolare le forze che ne permettono l’esistenza e due elementi fondamentali per la sua diffusione e funzionamento come gli aggregatori e i filtri. Nel secondo capitolo è riportata l’applicazione della teoria all’industria musicale come elaborata da Anderson, seguita da un’analisi della situazione attuale del mercato discografico con riferimento ai cambiamenti portati dalla diffusione del web e per verificare se il suo sviluppo sta seguendo le linee tracciate dal teorico della coda lunga. Il lavoro si conclude con lo studio dei fattori di successo e della curva di domanda di uno dei principali attori del mercato musicale come Spotify, con l’obiettivo di verificare se i risultati ottenuti confermano la teoria presa in esame o la contrastano. 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

web
mercato discografico
youtube
industria musicale
lunga coda
chris anderson
spotify
hits
curva di domanda
the long tail

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi