Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'essenziale correlazione tra Azienda e Ambiente

Può il battito d'ali di una farfalla in Brasile scatenare un tornado in Texas? Ogni organizzazione opera in contesti così interdipendenti che un fenomeno influenza, o può influenzare, molti altri aspetti. Si può perciò asserire che la relazione tra azienda e ambiente sia di tipo biunivoco: l'azienda reagisce agli impulsi che provengono dall'esterno e al contempo promuove e innesca processi di cambiamento che si trasmettono all'esterno, influenzando così l'andamento delle dinamiche ambientali. Nell'epoca in cui viviamo i manager non possono operare senza avere dovuta attenzione e comprensione degli ambienti con cui l'organizzazione interagisce: è indispensabile studiare il sistema degli ambienti di riferimento dell'impresa in quanto nel futuro questi potranno avere un forte impatto nel successo o nel fallimento dell'impresa.
Nell'epoca in cui viviamo i manager non possono operare senza avere dovuta attenzione e comprensione degli ambienti con cui l'organizzazione interagisce: è indispensabile studiare il sistema degli ambienti di riferimento dell'impresa in quanto nel futuro questi potranno avere un forte impatto nel successo o nel fallimento dell'impresa. Da ciò scaturisce l'importanza assunta dalla responsabilità sociale: l'impresa oggi deve creare valore non solo in termini economici ma anche sociali; la RSI non è solo un maggior costo per l'impresa ma può divenire una fonte di opportunità e di vantaggio competitivo. Solo negli ultimi anni le imprese sono diventate più sensibili all'importanza della tutela ambientale: una delle aziende sarde che più ha intrapreso un percorso di sostenibilità volto ad assicurare uno sviluppo durevole è la Cooperativa Cantina Trexenta.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 CAPITOLO 1: IL RAPPORTO AZIENDA – AMBIENTE 1.1 L’impresa e il suo interscambio con l’ambiente “Può il battito d’ali di una farfalla in Brasile scatenare un tornado in Texas?” E’ questa la frase con cui il fisico Edward Lorenz introdusse il cosiddetto Butterfly Effect 1 che evidenzia il fatto che nei sistemi biologici, chimici, fisici, economici e sociali sono presenti elementi che, anche se apparentemente insignificanti, sono in grado, interagendo tra loro, di propagarsi e amplificarsi provocando effetti catastrofici. Il fisico Lorenz sottolinea perciò come ogni organizzazione operi in contesti così interdipendenti che un fenomeno determina influenze su molti altri contesti. Il codice civile all’articolo 2082 recita: “E’ imprenditore chi esercita professionalmente un’attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o di servizi” 2 . La suddetta definizione giuridica, però, non tiene conto di un aspetto invece fondamentale da considerare per garantire la sopravvivenza nel mercato di un’impresa: l’attività economica organizzata si sviluppa nell’ambito di un dato ambiente, con il quale si instaura una successione continua di scambi di risorse e di informazioni; queste ultime sono relative ai valori culturali, ai caratteri socio- economici, alle conoscenze tecnico-scientifiche, alla disponibilità di risorse materiali ed umane, ecc., che l’azienda recepisce come vincoli ed opportunità presenti nell’ambiente, ma anche come risorse esterne su cui poggiare il proprio modo di operare e di crescere, come ad esempio attività promozionali volte a creare stimoli all’acquisto nei consumatori e negli altri operatori, o attività delle associazioni sindacali per interventi di agevolazioni finanziarie agli investimenti, sul costo del lavoro, sulle imposte e tasse, sulle regole del mercato, sui comportamenti e servizi della Pubblica Amministrazione, ecc. 1 Edward Lorenz fu il primo ad analizzare l'effetto farfalla in uno scritto del 1963 preparato per la New York Academy of Sciences. Secondo tale documento, "Un meteorologo fece notare che se le teorie erano corrette, un battito delle ali di un gabbiano sarebbe stato sufficiente ad alterare il corso del clima per sempre." In discorsi e scritti successivi, Lorenz usò la più poetica farfalla, forse ispirato dal diagramma generato dagli attrattori di Lorenz, che somigliano proprio a tale insetto, o forse influenzato dai precedenti letterari (anche se mancano prove a supporto)."Può il batter d'ali di una farfalla in Brasile provocare un tornado in Texas?" fu il titolo di una conferenza tenuta da Lorenz nel 1972. 2 Codice Civile, LIBRO QUINTO. Del lavoro - TITOLO SECONDO. Del lavoro nell'impresa - CAPO PRIMO. Dell'impresa in generale - SEZIONE PRIMA. Dell'imprenditore.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Federica Mameli Contatta »

Composta da 41 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2082 click dal 27/06/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.