Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Stampa e opinione pubblica sul tema dell'omosessualità in Spagna da Franco alla Ley 13/2005. Dal carcere al matrimonio

Il presente lavoro si propone di analizzare le dinamiche evolutive che l'opinione pubblica spagnola ha conosciuto durante gli anni precedenti ed immediatamente successivi alla riforma del Codice Civile giunta a modificare, in misura rilevante, l'istituto del matrimonio.
L'entrata in vigore della Ley 13/2005 rappresenta infatti non soltanto un fondamentale momento di passaggio nella recente storia politica del paese ma, oltre a questo, anche un utile strumento per aiutarci a capire come la pubblic opinion si sia confrontata con questa innovazione in materia di diritti.
La rilevanza di un cambio così profondo, oltre che per quanto riguarda l'aspetto giuridico, soprattutto per quanto riguarda le modalità attraverso le quali è stato condotto sul piano del dibattito pubblico, risalta già dalla linea di continuità che il titolo stesso della tesi aiuta a stabilire.
Dal regime di Franco a questa riforma del Código Civil, infatti, il punto di vista comune sul tema dell'omosessualità e, a partire da questo, delle unioni omosessuali, è cambiato a tal punto da suscitare forse stupore, di certo l'interesse a capire come ciò si sia potuto verificare in un arco di tempo così relativamente breve e, oltretutto, in un paese dalla storica impostazione cattolica e tipicamente machista delle relazioni affettive.
Per arrivare a comprendere le dinamiche che hanno animato la discussione all'interno della società spagnola si è innanzitutto cercato di inquadrare la nuova normativa in un contesto europeo.
In modo tale da evidenziare la realtà parallelamente esistente in altri palcoscenici nazionali e giungere anche ad un momento di confronto con la situazione italiana.
Fatto questo, il momento successivo ha visto la definizione di quelli che sono stati i passaggi preparatori attraverso i quali si è arrivati, nei fatti, all'approvazione della legge nel Luglio del 2005.
Una volta inquadrata la legge in questo contesto procedurale è stato possibile passare a quello che, fin dall'inizio, è stato il vero obiettivo di questo lavoro di analisi, vale a dire soffermarsi sugli aspetti sociali e politici che il cambio normativo ha introdotto nella società spagnola.
Per il raggiungimento di questo scopo si è deciso di sondare quelle che sono state le prese di posizione dei principali leader d'opinione. Di coloro i quali, cioè, hanno animato la scena pubblica di quegli anni con i loro interventi contribuendo così a generare un clima d'opinione nuovo e sostanzialmente diverso attorno ai concetti di “matrimonio” e “famiglia”.
Proprio per poter toccare con mano questo cambio e le dinamiche sociali che lo hanno accompagnato il vero momento cruciale di tutto il lavoro si è rivelato essere quello che ci ha permesso di entrare in contatto in via diretta con alcuni di questi protagonisti.
Poterli intervistare e ottenere, in questo modo, il loro contributo originale alla tesi è stato il momento sicuramente più gratificante .
Il momento in cui, anche dopo aver compiuto un lungo lavoro di analisi della stampa spagnola attraverso soprattutto El País e ABC, due periodici nazionali di diversa impostazione ideologica – in modo da poter effettuare un paragone del modello narrativo che essi hanno scelto per raccontare ai loro lettori la nuova idea di famiglia che stava per essere disciplinata giuridicamente – io per primo ho realizzato la reale portata del cambio sociale che la Ley 13/2005 ha generato.
Motivo per cui nutro la speranza che, dopo aver letto il modo in cui i partiti, le associazioni in difesa dei diritti e le istituzioni ecclesiastiche, attraverso i loro rappresentanti, si sono confrontati all'interno dell'arena mediatica e quali sono state le strategie comunicative che decisero di adottare, chi adesso legge queste righe possa avere voglia di giungere fino in fondo a questo tentativo di analisi e di ricerca.
Giungendo quindi a sua volta ad un momento di confronto, senza il filtro dei mezzi di comunicazione di massa, con alcune delle personalità che questo cambiamento lo hanno cavalcato prendendovi parte in prima persona.
La speranza, quindi, che anche chi legge possa provare, alle fine di queste pagine, la sensazione di vedere l'opinione pubblica realmente in azione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il presente lavoro si propone di analizzare le dinamiche evolutive che l'opinione pubblica spagnola ha conosciuto durante gli anni precedenti ed immediatamente successivi alla riforma del Codice Civile giunta a modificare, in misura rilevante, l'istituto del matrimonio. L'entrata in vigore della Ley 13/2005 rappresenta infatti non soltanto un fondamentale momento di passaggio nella recente storia politica del paese ma, oltre a questo, anche un utile strumento per aiutarci a capire come la pubblic opinion si sia confrontata con questa innovazione in materia di diritti. La rilevanza di un cambio così profondo, oltre che per quanto riguarda l'aspetto giuridico, soprattutto per quanto riguarda le modalità attraverso le quali è stato condotto sul piano del dibattito pubblico, risalta già dalla linea di continuità che il titolo stesso della tesi aiuta a stabilire. Dal regime di Franco a questa riforma del Código Civil, infatti, il punto di vista comune sul tema dell'omosessualità e, a partire da questo, delle unioni omosessuali, è cambiato a tal punto da suscitare forse stupore, di certo l'interesse a capire come ciò si sia potuto verificare in un arco di tempo così relativamente breve e, oltretutto, in un paese dalla storica impostazione cattolica e tipicamente machista delle relazioni affettive. Per arrivare a comprendere le dinamiche che hanno animato la discussione all'interno della società spagnola si è innanzitutto cercato di inquadrare la nuova normativa in un contesto europeo. In modo tale da evidenziare la realtà parallelamente esistente in altri palcoscenici nazionali e giungere anche ad un momento di confronto con la situazione italiana. Fatto questo, il momento successivo ha visto la definizione di quelli che sono stati i passaggi preparatori attraverso i quali si è arrivati, nei fatti, all'approvazione della legge nel Luglio del 2005. Una volta inquadrata la legge in questo contesto procedurale è stato possibile passare a quello che, fin dall'inizio, è stato il vero obiettivo di questo lavoro di analisi, vale a dire soffermarsi sugli aspetti sociali e politici che il cambio normativo ha introdotto 4

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Interfacoltà (Lettere e Filosofia, Scienze Politiche)

Autore: Marco Tripepi Contatta »

Composta da 144 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 591 click dal 08/07/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.