Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indagine preliminare sulle proprietà meccaniche di contenitori polimerici per uso cosmetico: il caso di polietileni e polietileni tereftalati

Negli ultimi decenni, l'interesse della ricerca e dell'industria nei confronti di imballaggi in plastica che siano eco-compatibili e sicuri per il consumatore è cresciuto esponenzialmente. Lo scopo di questo lavoro è stato quello di esaminare e caratterizzare quattro diversi contenitori polimerici a ridotto impatto ambientale: polietilene tereftalato riciclato (PET-R), polietilene tereftalato glicole (PET-G), polietilene a bassa densità (LDPE) e polietilene ad alta densità (HDPE). Le proprietà meccaniche di ogni tipo di contenitore sono stati studiati prima e dopo i trattamenti di invecchiamento accelerato, al fine di studiare come queste proprietà possono variare in situazioni reali, quali stoccaggio in azienda, trasporto, shelf-life pre-vendita e conservazione post-vendita. Il protocollo di studio ha previsto diversi passaggi. All'inizio sono state preparate due soluzioni tampone, utilizzate come contenuto. Successivamente, i contenitori sono stati pesati prima dei trattamenti, sia vuoti che riempiti con il tampone. In seguito, i contenitori sono stati stressati attraverso trattamenti di stabilità o foto-stabilità. Per ogni campione trattato, ne è stato mantenuto uno corrispondente a temperatura ambiente, come bianco dell'analisi. Il primo tipo di trattamento è stato eseguito utilizzando una camera climatica con umidità e temperatura costanti; il secondo, invece è stata effettuato utilizzando un Suntest, ovvero una camera UV a temperatura costante. Successivamente, i campioni sono stati valutati organoletticamente. L'analisi procede con la misurazione del peso delle bottiglie dopo i trattamenti e la valutazione di possibili varianti della stessa. Il passo successivo è stato l'analisi del pH delle soluzioni tampone. Ogni contenitore è stato svuotato e lavato con soluzione di bicarbonato 1% e poi con acqua distillata. Da ogni campione, sono stati ottenuti cinque provini. La prova meccanica è stata effettuata utilizzando un tensimetro: ogni campione è stato fissato alle ganasce dello strumento e sottoposto a trazione a velocità di tensione predeterminata, caratteristica per ogni contenitore. I grafici ottenuti riportano allungamento (mm) contro la forza (N). È stata inclusa una caratterizzazione morfologica al microscopio elettronico a scansione per i campioni che hanno mostrato le variazioni più significative di pH, al fine di verificare se anche l'aspetto della superficie ha mostrato variazioni attribuibili al trattamento. I risultati hanno mostrato che sia PET-R e PET-G non erano stabili, che LDPE era il più uniforme in termini di spessore e forma, ma non è stabile, e che HDPE era più stabile, anche se non in senso assoluto. In conclusione, questo lavoro ha dimostrato che i contenitori considerati non possono essere utilizzati in qualsiasi condizione atmosferica (soprattutto calore, radiazione UV e umidità) senza che le proprietà meccaniche, fisiche e chimiche vengano alterate. Essi, pertanto, non può essere promosso come completamente stabili ed inerti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. INTRODUZIONE 1.1 I polimeri 1.1.1 Generalità Il termine polimero (dal greco poly, molte, e méros, parte) indica una sostanza, naturale o sintetica, formata da molte unità (monomeri) che si ripetono un gran numero di volte nella struttura della molecola. Le molecole così formate sono molto grandi e prendono il nome di macromolecole. Una molecola, per poter essere considerata un monomero, deve possedere almeno due gruppi funzionali che possono reagire e formare legami con altri monomeri. I composti vinilici (CH 2 = CHX, dove X può essere un qualunque gruppo chimico) sono monomeri bifunzionali, nei quali dall’apertura del doppio legame si origina un’unità strutturale che può formare due legami - CH 2 - CHX - Le macromolecole corrispondenti sono lineari; i monomeri si vanno sommando alla catena in accrescimento sempre nella stessa direzione. Si possono formare macromolecole ramificate o reticolate se si parte da monomeri che hanno funzionalità superiore a due. Tabella 1.1. Monomeri e unità strutturali corrispondenti di omopolimeri. Se le unità che si ripetono sono tutte uguali fra di loro, il prodotto si definisce omopolimero; se invece le macromolecole sono formate da due o più unità strutturali, la sostanza è chiamata copolimero. Nella Tabella 1.1 sono riportati alcuni esempi di omopolimeri e nella Tabella 1.2 alcuni esempi di copolimeri insieme con le unità monomeriche da cui derivano. La stessa unità ripetente può combinarsi in strutture lineari, Monomero Unità strutturale Polimero CH 2 = CH 2 -CH 2 - CH 2 - Polietilene CH 2 = CH(CH 3 ) - CH 2 - CH(CH 3 ) - Polipropilene CH 2 = CH(C 6 H 5 ) - CH 2 - CH(C 6 H 5 ) - Polistirene CH 2 = CH(Cl) - - CH 2 - CH(Cl) - Polivinilcloruro

Laurea liv.I

Facoltà: Farmacia

Autore: Greta Raimondi Contatta »

Composta da 108 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1005 click dal 11/07/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.