Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comorbidità dei disturbi specifici dell'apprendimento con i disturbi del comportamento, ansia e depressione

I disturbi specifici dell'apprendimento sono un gruppo di problematiche nello sviluppo cognitivo e nell'apprendimento scolastico del bambino.
Il bambino con DSA incontra difficoltà nei processi di automatizzazione della lettura, della scrittura o del calcolo, ma oltre a riportare difficoltà legate all'apprendere, il bambino con questi disturbi sperimenta durante il percorso scolastico una serie di insuccessi che hanno conseguenze emotive e motivazionali importanti. La presenza di un disturbo dell'apprendimento non ha conseguenze solo sull'apprendimento del bambino ma anche sul suo benessere generale.
Il presente lavoro parte dall'esigenza di indagare l'area della ricerca che tratta l'aspetto psicologico del disturbo e che proprio a causa della scarsità di dati scientifici e spesso della loro non concordanza, presenta purtroppo ancora ambiguità e incertezza.
I disturbi dell'apprendimento, infatti, sono stati estesamente valutati dal punto di vista cognitivo e neuropsicologico e meno frequentemente dal punto di vista psicologico ed affettivo (Greenhill, 2000).
Alcuni recenti studi empirici stanno evidenziato una forte correlazione tra disturbi di apprendimento e disturbi della sfera emotiva e comportamentale.
Il presente lavoro si propone di fare una rassegna critica della letteratura scientifica che si occupa della comorbidità tra i disturbi di apprendimento e i disturbi emotivi internalizzanti ed esternalizzanti.
I disturbi esternalizzanti spesso si manifestano insieme ai disturbi di apprendimento e sono facilmente visibili nel contesto scolastico, perché creano importanti problematiche all'interno della scuola. Sulla eventuale comorbidità è stato scritto molto, tuttavia è importante identificare se questi comportamenti siano secondari ai disturbi di apprendimento oppure in comorbidità con essi.
Per quanto riguarda i disturbi internalizzanti, questi sono ancora più difficilmente identificabili dei disturbi esternalizzanti. La depressione difficilmente si manifesta in comportamenti di acting out e l'ansia viene spesso confusa come sintomatologia dei disturbi di apprendimento creando un effetto di over-shadowing.
L'ipotesi delle recenti ricerche scientifiche è che nei disturbi di apprendimento siano presenti vari tipi di comorbidità e queste devono essere adeguatamente studiate per poter essere trattate insieme agli altri sintomi, in quanto i sintomi comportamentali, ansiosi o depressivi non opportunamente trattati possono sfociare in problemi psicopatologici più gravi.
Partendo da questo presupposto, obiettivo del lavoro sarà effettuare una rassegna delle ricerche che fanno luce su tale influenza e cercare di fornire una spiegazione dinamica della connessione tra DSA e disturbi psicologici.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE I disturbi specifici dell’apprendimento sono un gruppo di problematiche nello sviluppo cognitivo e nell’apprendimento scolastico del bambino. Il bambino con DSA incontra difficoltà nei processi di automatizzazione della lettura, della scrittura o del calcolo, ma oltre a riportare difficoltà legate all’apprendere, il bambino con questi disturbi sperimenta durante il percorso scolastico una serie di insuccessi che hanno conseguenze emotive e motivazionali importanti. La presenza di un disturbo dell’apprendimento non ha conseguenze solo sull’apprendimento del bambino ma anche sul suo benessere generale. Il presente lavoro parte dall’esigenza di indagare l’area della ricerca che tratta l’aspetto psicologico del disturbo e che proprio a causa della scarsità di dati scientifici e spesso della loro non concordanza, presenta purtroppo ancora ambiguità e incertezza. I disturbi dell’apprendimento, infatti, sono stati estesamente valutati dal punto di vista cognitivo e neuropsicologico e meno frequentemente dal punto di vista psicologico ed affettivo (Greenhill, 2000). Alcuni recenti studi empirici stanno evidenziato una forte correlazione tra disturbi di apprendimento e disturbi della sfera emotiva e comportamentale. Il presente lavoro si propone di fare una rassegna critica della letteratura scientifica che si occupa della comorbidità tra i disturbi di apprendimento e i disturbi emotivi internalizzanti ed esternalizzanti. I disturbi esternalizzanti spesso si manifestano insieme ai disturbi di apprendimento e sono facilmente visibili nel contesto scolastico, perché creano importanti problematiche all’interno della scuola. Sulla eventuale comorbidità è stato scritto molto, tuttavia è importante identificare se questi comportamenti siano secondari ai disturbi di apprendimento oppure in comorbidità con essi. Per quanto riguarda i disturbi internalizzanti, questi sono ancora più difficilmente identificabili dei disturbi esternalizzanti. La depressione difficilmente si manifesta in

Tesi di Laurea Magistrale

Facoltà: Psicologia

Autore: Francesca Cammarota Contatta »

Composta da 77 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10461 click dal 18/07/2014.

 

Consultata integralmente 18 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.