Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La supplenza del Presidente della Repubblica nell'ordinamento costituzionale italiano

La continuità nell'esercizio delle funzioni degli organi costituzionali. Questo è un principio fondamentale contenuto nella Carta costituzionale italiana. La tesi tratta, appunto, di un istituto necessario per garantire la continuità dell'esercizio delle funzioni di uno degli organi costituzionali dello Stato, vale a dire il Presidente della Repubblica, che, nei casi di impedimento sia temporaneo che permanente, a norma dell'articolo 86 della Costituzione, è sostituito dal Presidente del Senato, in qualità di supplente del Capo dello Stato.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’istituto della supplenza assume nel campo del diritto costituzionale un notevole rilievo, derivante dalla particolare importanza che riveste la continuità funzionale degli organi costituzionali, per la loro natura di organi istituzionali ed indefettibili dell’ordinamento. Gli organi costituzionali sono reciprocamente legati per quanto attiene all’attività ed ai controlli. Quindi, l’organizzazione costituzionale deve intendersi come un complesso meccanismo in cui vi sono organi propulsivi ed organi di equilibrio. Una lacuna istituzionale derivante dall’inattività di uno degli organi costituzionali produrrebbe la disfunzione e l’arresto di tutto il meccanismo, con l’inevitabile conseguenza che sarebbe compromessa l’esistenza stessa dello Stato. Perciò, opportunamente, l’art. 86 della Costituzione stabilisce che “ Le funzioni del Presidente della Repubblica, in ogni caso in cui egli non possa adempierle, sono esercitate dal Presidente del Senato. In caso di impedimento permanente o di morte o di dimissioni del Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera dei Deputati indice la elezione del nuovo Presidente della Repubblica entro quindici giorni, salvo il maggior termine previsto se le Camere sono sciolte o manca meno di tre mesi alla loro cessazione”. L’argomento è stato affrontato, in primo luogo, dal punto di vista storico, concentrando l’attenzione sulle caratteristiche principali degli istituti analoghi alla supplenza nell’ordinamento statuario, quali la reggenza e la luogotenenza, e soprattutto sulla discussione che si è svolta nel corso dei lavori preparatori

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Fabrizio Vitali Contatta »

Composta da 159 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 612 click dal 23/07/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.