Skip to content

Il Giornalismo di Pace. Modelli, Tecniche e Contenuti

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Risaliti
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Interdipartimentale Scienze Politiche/Lettere e Filosofia
  Corso: Informazione ed Editoria
  Relatore: Marina Milan
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

Nel primo capitolo si analizzano le principali tendenze del giornalismo di guerra tradizionale, mettendone in luce gli aspetti negativi, così come sono stati evidenziati dai sostenitori del giornalismo di pace. Obiettivo di questa prima sezione è comprendere quali siano le ‘cattive abitudini’ del war reporting, nonché i rischi a cui ogni reporter è soggetto.
Nel secondo capitolo si espongono le origini storiche e i principi che guidano il giornalismo di pace, tenendo soprattutto in considerazione la scuola di Johan Galtung e di Wilhelm Kempf. A tale proposito un intero paragrafo è dedicato alla precisazione di alcuni concetti chiave nell’ambito degli studi sulla pace, i quali costituiscono un importante bagaglio culturale per chiunque intenda produrre cronache eque e contestualizzate degli eventi bellici. Il terzo capitolo è interamente dedicato al dibattito tra i difensori del giornalismo di pace e i suoi principali critici. Tale capitolo parte dal presupposto che molti dei giudizi negativi espressi in relazione al nuovo approccio si basino, in realtà, su un’errata interpretazione del concetto stesso di peace journalism, per cui aprire uno spazio di riflessione si rende quanto mai necessario. Infine il quarto capitolo analizza i canali mediatici che già adoperano il giornalismo di pace e ne evidenzia la sporadica presenza anche all’interno dei canali mainstream. Tuttavia, come si vedrà, l’approccio è più spesso promosso all’interno di media alternativi o grazie al sostegno di associazioni umanitarie. Tale condizione può costituire un limite per il giornalismo di pace, poiché porta a confonderlo con forme di attivismo o movimenti di natura pacifista. Il metodo, al contrario, vuole essere un modo più accurato di occuparsi delle questioni belliche, con possibili estensioni a più generiche situazioni di conflittualità (sociale, politica, culturale e così via). La proposta finale del lavoro verterà dunque sulla costruzione di una più solida base teorica, supportata da ricerche scientifiche, che mettano in luce quanto, considerato l’alto tasso di conflitti in atto, un metodo come quello del giornalismo di pace possa in definitiva rappresentare un esempio di buon giornalismo, etico ed accurato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Secondo il rapporto dell’Heidelberg Institute for International Conflict Research (HIIK) 1 il 2013 è stato l’anno che ha registrato il maggior numero di conflitti dopo il 1945. Il triste primato è stato assegnato in seguito all’individuazione di 414 scontri attivi su scala globale. Di questi, 221 hanno visto l’impiego della violenza, 20 sono stati classificati come vere e proprie guerre e 25 hanno ricevuto l’etichetta di ‘guerre limitate’. Secondo lo studio le zone più calde sono il Medio Oriente, l’Asia e l’Africa sub-sahariana (basti pensare che solo in Sudan e Sud-Sudan sono state individuate ben cinque guerre); ma anche continenti tendenzialmente pacifici come l’Europa hanno registrato un aumento dei conflitti rispetto al 2012 2 e la situazione attuale non lascia presagire un miglioramento per il 2014. Di fronte a uno scenario di tale portata viene spontaneo pensare che l’informazione possa giocare un ruolo fondamentale, se non altro perché essa è in grado di porre l’accento sulla gravità della situazione e sensibilizzare così l’opinione pubblica. Ma come si sono comportati i media di fronte a tale stato di cose? E qual è stata la percezione che l’audience ha avuto dei conflitti? Certamente alcune guerre sono entrate a pieno titolo nell’agenda-setting dei media. È il caso della Siria, ad esempio. Tuttavia, secondo il Barometro dell’HIIK, quello siriano è stato il conflitto che ha causato il maggior numero di vittime e, dunque, si tratta di un evento difficilmente eludibile da parte dei media. Occorre però osservare che nell’ambito del conflitto siriano (e più in generale di molti degli scontri scaturiti dalla cosiddetta Primavera Araba) si è spesso parlato di schizofrenia mediatica, 3 intendendo con tale termine quella particolare situazione per cui tra continue conferme e smentite il giornalismo non sempre ha potuto offrire alla propria audience un’immagine chiara del conflitto. Dunque, sebbene si sia parlato di Siria, 1 Heidelberg Institute for International Conflict Research, Conflict Barometer 2013, HIIK, Heidelberg (Germania), Febbraio 2014, pp. 12-18. 2 Ibidem, p. 28. 3 A. APPIANO, Clandestina a Damasco. Cronache da un paese sull’orlo della guerra civile, Alberto Castelvecchi Editore, Roma, 2011, p. 5.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

media
giornalismo
informazione
guerra
pace
inviato
corrispondente di guerra
etica professionale
peace journalism
johan galtung

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi