Skip to content

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

Informazioni tesi

  Autore: Lucia Quaglia
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2013-14
  Università: Università degli studi di Genova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Amministrazione e Politiche Pubbliche
  Relatore: Luca Gandullia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 129

Il presente lavoro, suddiviso in 3 capitoli, illustra il processo di liberalizzazione del settore elettrico italiano con particolare riferimento alle recenti iniziative intraprese dal governo al fine di ridurre il costo delle tariffe elettriche per le famiglie e le piccole e medie imprese e favorire lo sviluppo dell'efficienza energetica.
Il primo capitolo illustra la situazione del comparto energetico a livello globale, europeo e nazionale: il primo paragrafo illustra l'andamento futuro delle principali fonti energetiche a livello globale. Il secondo esamina le principali azioni intraprese dall’Unione tese a liberalizzare il settore energetico al fine di creare un mercato unico dell’energia per rendere più efficiente e competitivo il settore.
Il terzo analizza il comparto energetico nazionale, con un focus sul consumo di energia elettrica nazionale, comparata sia in ottica europea che a livello regionale.
Il secondo capitolo illustra il processo di liberalizzazione del settore dell’energia elettrica avvenuto in Italia negli anni 90, che ha determinato la fine del monopolio di Enel.
Il primo paragrafo descrive le caratteristiche del settore elettrico in regime di monopolio, il secondo esamina il processo che ha determinato la privatizzazione di Enel mentre il terzo analizza il Decreto Bersani che ha determinato la liberalizzazione del comparto elettrico, consentendo a nuovi attori economici di operare nel settore; infine l'ultimo paragrafo mostra l’evoluzione del processo di liberalizzazione fino ai giorni nostri.
Il terzo capitolo dedica i primi tre paragrafi alla descrizione del funzionamento e dell'andamento dei seguenti mercati dell'energia elettrica: il mercato all’ingrosso, articolato nel mercato elettrico a termine e a pronti, e i mercati dell'ambiente.
Il quarto paragrafo è dedicato all'evoluzione della struttura delle tariffe dell’energia elettrica durante il regime di monopolio di Enel e a seguito della riforma del sistema tariffario attuata dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas nel 1997.
Il paragrafo conclusivo si focalizza sulla situazione attuale analizzando le cause che hanno comportato un continuo aumento delle bollette energetiche negli ultimi anni in Italia e le recenti proposte di riforma tese a diminuire i prezzi pagati dai clienti finali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione. Secondo quanto riportato da uno dei più autorevoli organismi internazionali in ambito energetico, l’International Energy Agency, il settore dell’energia, a livello mondiale, sta attraversando un periodo di forti turbolenze. I prezzi dei principali combustibili fossili si mantengono elevati, così come i costi nascosti, traducibili in sussidi ed esternalità negative. In questo scenario particolarmente rilevante appare il ruolo svolto dall’Unione europea che da un ventennio ormai si batte per la produzione di energia derivante da fonti rinnovabili e la riduzione delle emissioni di CO 2 . Lo scopo è quello di raggiungere una crescita sostenibile nel tempo che faccia sempre meno uso di fonti fossili inquinanti come petrolio e carbone. Conscia del fatto che la tutela dell’ambiente non può essere slegata da un uso razionale ed efficace dell’energia, recentemente l’Unione europea ha emanato la direttiva sull’efficienza energetica, al fine di un uso maggiormente razionale delle risorse energetiche in tutta l’Europa. L’Italia, che basa il suo mix di generazione principalmente sul gas e sulle fonti rinnovabili, è in prima linea per quanto riguarda la produzione di energia in maniera più green rispetto ad altri paesi come la Francia, che ha puntato tutto sul nucleare, o la Germania e l’Inghilterra che fanno un ingente uso del carbone. Tuttavia questo mix comporta un’elevata dipendenza dalle fonti energetiche provenienti dall’estero, che determina elevati prezzi finali delle bollette dei consumatori italiani, superiori a quelli degli altri paesi europei. Questo, nonostante la liberalizzazione del settore dell’energia elettrica avvenuta nel 1999 con il Decreto Bersani, che ha determinato la fine del regime di monopolio detenuto da Enel. L’apertura del mercato a nuovi operatori avrebbe dovuto assicurare una maggiore concorrenza, ed un conseguente abbassamento dei prezzi delle tariffe elettriche. Questo non è avvenuto, e per rendersene conto basta comparare i prezzi delle tariffe dei consumatori italiani, rispetto a quelli pagati negli altri paesi europei, soprattutto per quanto riguarda le piccole e medie imprese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

unione europea
energia
enel
liberalizzazione
tariffe elettriche
decreto bersani
rinnovabili
oneri di sistema
decreto spalma incentivi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi