Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La valutazione in bilancio delle immobilizzazioni immateriali: la prospettiva dello IAS 38

Nel contesto di globalizzazione in cui viviamo, le risorse immateriali diventano determinanti per l’ottenimento di un vantaggio competitivo e per la creazione di valore.
Sono risorse prive di materialità, spesso soggette a interpretazioni soggettive; non sempre è facile attribuire loro un valore o determinarne il periodo di ammortamento.
Le fonti normative a riguardo sono diverse: il nostro Codice Civile, i principi contabili nazionali pubblicati dall’OIC (principio contabile numero 24), ed infine i principi contabili internazionali (IAS 38).
La situazione nazionale e la definizione generale aprono la prima parte di questo lavoro, introdotte da un breve excursus storico che mostra, mediante riferimenti ad alcuni lavori di autorevoli professori, come sia evoluta l’importanza di queste risorse dagli anni Ottanta ad oggi.
La seconda parte analizza la normativa internazionale, ripercorrendo i passaggi che portano alla loro redazione ed evidenziando le differenze con i principi nazionali.
Segue un confronto tra casi di studio, nel quale saranno comparati i bilanci dal 2011 al 2013 di tre aziende quotate in borsa; la scelta delle aziende non è casuale ma sono selezionate dal sito di Borsa Italiana tra le aziende che rientrano nel settore “FTSE Italia Telecomunicazioni” identificato come Super Sector.
La prima parte è un’analisi quantitativa basata sul calcolo di indici che consentano di osservare il peso delle risorse immateriali sul totale attivo, sul totale delle attività non correnti e sul patrimonio, compiuta per ogni singola società; nello specifico, sono presi in considerazione i dati di bilancio forniti da Acotel Group, Retelit e Telecom Italia.
Si passa poi ad una parte di analisi volta alla comparazione dei dati ottenuti in precedenza per le tre aziende oggetto di studio, nel triennio considerato.
Il presente lavoro termina con delle considerazioni finali su quanto esposto; non mancheranno schemi e tabelle riepilogative, utili soprattutto in fase di confronto.

Mostra/Nascondi contenuto.
UNIVERSITA' TELEMATICA INTERNAZIONALE UNINETTUNO FACOLTA' DI ECONOMIA C.L. IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ELABORATO FINALE In Contabilità e bilancio La valutazione in bilancio delle immobilizzazioni immateriali: la prospettiva dello IAS 38 RELATORE CANDIDATA Chiar.mo Prof. Elisa STRUMENDO Alberto ROMOLINI Matr.484HHHECOGEIM ANNO ACCADEMICO 2013-14

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Elisa Strumendo Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2288 click dal 17/09/2014.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.