Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Efficienza del mercato dei beni pubblici ed evasione fiscale

La tesi è ispirata alla pubblicazione di Massimo Bordignon "Beni pubblici e scelte private: un'analisi senza l'homo oeconomicus".

Mostra/Nascondi contenuto.
  3     1. Introduzione al concetto di bene pubblico e presentazione del modello di offerta volontaria di beni pubblici secondo la teoria economica tradizionale. La letteratura economica definisce i beni pubblici come beni che hanno due diverse proprietà: non rivalità e non escludibilità. La caratteristica di non rivalità indica che il consumo del bene da parte di un individuo non pregiudica quello degli altri, la non escludibilità indica che non è tecnicamente o economicamente conveniente escludere un individuo dal consumo del bene. E’ possibile anche includere una terza caratteristica cioè la non divisibilità, indicando così che il bene non può essere frazionato, ne è un esempio la difesa nazionale. Il problema che caratterizza i beni pubblici è che generalmente la produzione privata di essi è inefficientemente bassa. Vi sono tre problemi legati a questa tipologia di beni: - la determinazione del livello ottimale - il finanziamento - l’effettiva produzione del bene. Immaginiamo un’economia con due classi diverse di consumatori (1 e 2), e un unico bene pubblico X. Ipotizziamo che x 1 e x 2 siano rispettivamente il consumo attuato dalla prima classe di consumatori e dalla seconda (X=∑ i=1,2 x i). Data la proprietà di non rivalità del bene pubblico, l’ammontare totale di utilità dei consumatori dipende dall’ammontare totale di X. Possiamo quindi scrivere la funzione di utilità del consumatore i come u i=u i(X)–px i con i= 1,2 ed X=x 1+x 2 con p intendiamo invece il prezzo di acquisto del bene pubblico. I consumatori domanderanno la quantità di bene pubblico che massimizza la loro utilità. La condizione di primo ordine (cpo) per la massimizzazione dell’utilità del consumatore è

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Alessia Fellegara Contatta »

Composta da 38 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1240 click dal 22/09/2014.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.