Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Valutare l'intangibile nelle organizzazioni. Lo studio del clima organizzativo quale strumento di analisi organizzativa

Il rapido mutamento del contesto socio-economico impone alle organizzazioni continue sollecitazioni e la capacità di adattarsi agli eventi con conseguenti interventi sia a livello strutturale che nella gestione del personale. Per poter competere nella complessità e nella concorrenza del mercato globale, le aziende devono sviluppare una grande capacità di reazione/anticipazione facendo leva sulla conoscenza che diventa il vero valore aggiunto delle organizzazioni.
Apprendimento organizzativo, gestione delle risorse umane ed economia del simbolico sono oggi tre elementi, strettamente legati l’uno all’altro, che caratterizzano la moderna impresa post-fordista, capace di affrontare la complessità e l’instabilità dei mercati, ed i cui valori e caratteristiche si ritrovano nella flessibilità, nella cooperazione, nella comunicazione, nella conoscenza ed esperienza.
Questo lavoro parte dal presupposto che la dimensione umana è determinante nel processo di cambiamento e saper gestire le persone costituisce oggi il vero vantaggio competitivo a disposizione del management delle organizzazioni. Il tentativo è quello di evidenziare come il cambiamento organizzativo stia oggi portando ad un ripensamento del ruolo che le persone rivestono all’interno dell’impresa. Le persone ed il loro modo di lavorare insieme, di essere impresa, si rivelano la leva privilegiata per costruire, e nel tempo valorizzare, un patrimonio intangibile fatto di conoscenze, relazioni e identità culturali che risulta difficile da governare attraverso l’impiego di strumenti manageriali di tipo tradizionale.
Il terreno di ricerca è costituito dal Gruppo Spes, un sistema di imprese che opera nel campo socio-assistenziale il cui core business è rappresentato dalla realizzazione di servizi residenziali per persone non autosufficienti.

Mostra/Nascondi contenuto.
______________________________________________________________________ ____________________________________________________________________________ 6 INTRODUZIONE Il rapido mutamento del contesto socio-economico impone alle organizzazioni continue sollecitazioni e la capacità di adattarsi agli eventi con conseguenti interventi sia a livello strutturale che nella gestione del personale. Per poter competere nella complessità e nella concorrenza del mercato globale, le aziende devono sviluppare una grande capacità di reazione/anticipazione facendo leva sulla conoscenza che diventa il vero valore aggiunto delle organizzazioni. Apprendimento organizzativo, gestione delle risorse umane ed economia del simbolico sono oggi tre elementi, strettamente legati l’uno all’altro, che caratterizzano la moderna impresa post-fordista, capace di affrontare la complessità e l’instabilità dei mercati, ed i cui valori e caratteristiche si ritrovano nella flessibilità, nella cooperazione, nella comunicazione, nella conoscenza ed esperienza. Questo lavoro parte dal presupposto che la dimensione umana è determinante nel processo di cambiamento e saper gestire le persone costituisce oggi il vero vantaggio competitivo a disposizione del management delle organizzazioni. Il tentativo è quello di evidenziare come il cambiamento organizzativo stia oggi portando ad un ripensamento del ruolo che le persone rivestono all’interno dell’impresa. Le persone ed il loro modo di lavorare insieme, di essere impresa, si rivelano la leva privilegiata per costruire, e nel tempo valorizzare, un patrimonio intangibile fatto di conoscenze, relazioni e identità culturali che risulta difficile da governare attraverso l’impiego di strumenti manageriali di tipo tradizionale. Il terreno di ricerca è costituito dal Gruppo Spes, un sistema di imprese che opera nel campo socio-assistenziale il cui core business è rappresentato dalla realizzazione di servizi residenziali per persone non autosufficienti. Costituita nel 1978, la cooperativa S.P.E.S Trento, capogruppo, ha visto negli ultimi sette anni uno sviluppo esponenziale che si oggettiva nell’aumento dei ricavi (da circa € 3.900.000 nel 2000 a € 12.170.000 nel 2007), nell’incremento dei dipendenti (da 70 a circa 200 unità), nella creazione di 3 nuove società collegate e/o controllate, nell’apertura di 2 nuove strutture. L’esperienza di S.P.E.S. è stata quella di aver saputo rispondere alla sfida degli eventi attuando un passaggio da azienda tradizionale ad azienda competitiva, mettendo in atto mutamenti in termini di una diversa gestione

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Fabiola Michelotti Contatta »

Composta da 234 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1150 click dal 10/09/2014.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.